Robot vigileranno sul distanziamento sociale: è sempre più società del controllo

365

Non è una puntata della celebre serie TV Black Mirror, bensì la città di Singapore, oggi. A fianco delle app per il controllo, delle mascherine, del distanziamento sociale, della geolocalizzazione, infatti, a presidiare le strade e controllare che tutti rispettino le regole vigileranno dei cani-robot. Il primo prototipo è già all’opera e, con una malcelata ironia tipica dei dominatori, l’hanno chiamato con un innocente nome da simpatico cagnolino domestico, “Spot”. Cosa fa esattamente questo robo-cane uscito dalla mente sadica dell’élite dominante? Spot avverte i visitatori di osservare le misure di distanziamento, e per farlo è dotato di telecamere per valutare se la corretta lontananza tra le persone, e misurare il loro numero nell’area. Al momento – e solo al momento – Spot non è stato abilitato a riconoscere singoli cittadini, e a non conservarne i dati personali: ma ha già in sè la tecnologia per farlo. Insomma, benvenuti nella peggiore dittatura distopica.

www.ilmessaggero.it – Singapore, un robot antivirus vigila sul distanziamento sociale.

Singapore, dove le regole sono fatte per essere rispettate, e dove è vietato persino fumare, masticare gomme o bere alcolici per strada, non si transige in questioni vitali come il distanziamento sociale, in epoca di pandemia. Da venerdì scorso, un robot è stato arruolato per controllare che non ci siano assembramenti nel parco di Bishan-Ang Mo Kio. A vederlo, sembra una scena della serie Black Mirror.

Il robot, di nome Spot – informa il giornale The Strait Times – fa parte di un progetto pilota governativo: se passerà l’esame sarà impiegato in tutti i parchi della ex colonia britannica.

Spot avverte i visitatori a osservare le misure di distanziamento, ed è dotato di telecamere per valutare se la corretta lontananza tra le persone, e misurare il loro numero nell’area. Per ora, sembra comunque che Spot non sia stato abilitato a riconoscere singoli cittadini, e che non conservi i dati personali.

Nell’ambito della sperimentazione in corso, Spot perlustrerà un’area di tre chilometri del parco, nelle ore di punta, la mattina e la sera. 

Il robot, simile a un cane domestico, ma abbastanza inquietante a vedersi, è stato sviluppato dalla compagnia americana Boston Dynamics: risulta essere molto più efficiente di altri prototipi nell’aggirare ostacoli, e quindi è adatto ad essere impiegato su diversi terreni. Grazie ai sensori, riesce ad evitare collisioni con oggetti o persone, quando si trova a un metro di distanza.