Poesia | Riassunto Corso Covid

192

Diamo volentieri spazio a queste rime pubblicate sul sito di Heliodromos per farci, perché no, una (amara) risata sulla situazione attuale.

Tutte le indicazioni che stanno dando

sono facili dalla cabina di comando.

Nell’atto pratico della realizzazione

saranno dolori di testa e frustrazione.

 

Gli Istituti scolastici sono così diversi

che saremo nel labirinto dispersi

alla mercé del singolo Dirigente

che non potrà uniformare la sua mente

a quella del burocrate di turno

che controllerà il suo operato diurno.

 

Si sa che funziona il distanziamento:

basta mettere un sensore sotto il mento.

Funziona anche la giusta aerazione

che fa cambiare l’aria in continuazione.

 

Si devono lavare bene le mani

che lo sappiamo fare noi umani.

Poi si può misurare la temperatura

all’ingresso della scuola con molta cura.

 

Se il pericolo rimane concreto

è meglio fare l’ennesimo decreto

di chiusura ad oltranza delle scuole

in modo che la testa meno duole.

 

Si prospetta via via nel divenire

un disagio epocale, da svenire.

Avremo dieci manuali di buona scuola

da seguire ad ogni appoggio della suola.

Sarà bravo chi li manda giù a memoria:

scopriremo il nuovo Pico della Storia.

 

Una regola comunque da seguire

che non dovrà mai sparire,

è quella universale del buon senso

che deve indirizzare ciò che penso.

 

Speriamo infine che il virus corona

faccia almeno una cosa buona.

Non morda oltremodo con i suoi denti,

il suo raggio non raggiunga il metro e venti:

dovremo rifare i calcoli, altrimenti.

            Ut