Non hai paura del virus? Sei psicopatico

449

Denigrato, insultato, reietto e ora anche ‘folle’: chi non teme il virus, sebbene ne consideri l’esistenza, è un psicopatico da rinchiudere, secondo l’ennesima ‘santona’ della medicina italiana, una scienziata che – per ottenere qualche minuto di fama e gloria – si inventa questa nuova patologia. Ci sarebbe da ridere, sennonché tutto ciò rappresenta esattamente una di quelle finestre di Overton, attraverso le quali un concetto (“chi non obbedisce è un pazzo“) passa dall’essere ‘assurdo’ a essere perfettamente ‘accettato’ e ‘condivisibile’. Così da poter anche tollerare i TSO (trattamenti sanitari obbligatori) per questi ‘malati’.

(tratto da www.databaseitalia.it – di Davide Donateo) – SPUNTA IL “DISTURBO PSICHIATRICO” PER CHI NON HA PAURA DEL COVID. ATTENZIONE ALLE DERIVE TOTALITARIE PSEUDO SCIENTIFICHE

Non passa giorno senza che il mainstream ci riservi qualche divertente quanto pericolosissima perla pseudo scientifica

Passi la richiesta su più fronti dell’obbligo vaccinale, comprensibile dal punto di vista del rientro degli investimenti a livello mondiale. Soprattutto alla luce dei nuovi sondaggi secondo i quali il 49% degli italiani non è disposto a farsi vaccinare in barba alle dichiarazioni di tanti, Matteo Renzi in primis che si chiedeva dove fossero finiti i No vax. Eccoli, a fiumi.

Passi la voglia smodata di alcuni sindaci e assessori, oltre che componenti di governo e opposizione di effettuare i TSO, Trattamenti Sanitari Obbligatori, per chi non rispetta le “norme sanitarie imposte”.

Passi la censura su social, stampa e tv di qualsiasi voce non allineata rispetto alla narrazione mondiale sul Covid 19 (Scienziati compresi come Tarro, Zangrillo e tantissimi altri).

Ma ora arriviamo al colmo. Adnkronos, una delle agenzie di stampa più importanti in Italia, sente l’esigenza di pubblicare una notizia che farebbe ridere se non fosse pericolosa in quanto prosecuzione di un cammino verso un totalitarismo scientifico.

Non avrebbe alcuna altra ragione di essere pubblicata se non guardandola in questo contesto. Ma arriviamo al dunque:

Adelia Lucattini, psichiatra e psicoanalista lancia l’allarme: Migliaia di italiani ‘sfidano’ il coronavirus con comportamenti irragionevoli, violando le regole ed evitando qualsiasi precauzione anti-contagio Covid: niente mascherina, feste in casa ed happy hour, movida e contatti sociali, come se i rischi non esistessero. E tutto questo “non avviene per semplice imprudenza o ignoranza, ma è legato a un disturbo cosiddetto da ansia depressiva reattiva: una ‘risposta’ alla paura che porta un’inversione del tono dell’umore, che si alza troppo, fino a negare la realtà.

Avete capito bene! Da oggi se non avete paura, se non vi considerate delle semplici entità biologiche da tutelare a costo di annientare le vostre relazioni sociali, magari confortati dai numeri esigui, SIETE MALATI!

Attenzione perché la dottoressa suggerisce anche che in quanto disturbati dovete essere curati:

Io consiglio una psicoterapia cosiddetta focale – spiega Lucattini – ovvero una psicoterapia analitica breve, in dodici incontri, in cui si lavora sul problema specifico”, in questo caso quello provocato dal coronavirus e le sue restrizioni, lockdown in testa. “Ma ritengo fondamentale e molto utile combinare le diverse terapie: la psicoterapia (che comunque ha tempi lunghi di risposta), i farmaci tradizionali (necessari in alcuni casi) e, in combinazione o meno, fitoterapici, integratori nutraceutici, alcune discipline fisiche ‘dolci’ che hanno un ottimo effetto sul tono dell’umore (dallo yoga al pilates, al Tai Chi), e l’omeopatia”.

Il Rischio del Totalitarismo

Mentre viviamo il blocco da coronavirus, alcune fonti sorprendentemente diverse tra loro (ad esempio il New Yorker) hanno iniziato a utilizzare nei loro articoli una parola allarmante: “totalitarismo”.

C’è da premettere che a mio avviso il totalitarismo è di gran lunga peggiore della tirannia.

Friedrich Engels scrisse che “Mentre Darwin ha scoperto la legge dell’evoluzione nella natura organica”, “Marx ha scoperto la legge dell’evoluzione nella storia umana”.

La differenza tra tirannia e totalitarismo è che i tiranni sono arbitrari e i totalitari no. 

Ad esempio, Caligola (un tiranno classico) avrebbe potuto rendere il suo cavallo senatore, solo per capriccio. Hitler avrebbe potuto fare di un ebreo il suo ministro della difesa, e Stalin avrebbe potuto fare di un capitalista il suo ministro dell’interno.

I tiranni sono meno pericolosi perché non sono legati a un’ideologia inalterabile. In questo senso, anche Augusto era un tiranno – aveva un completo potere personale – ma il suo dominio era in gran parte razionale e umano.

I totalitari sono molto più pericolosi dei tiranni perché sono assolutamente impegnati in un’ideologia e quell’ideologia ha la precedenza su tutte le altre considerazioni – sulla legge positiva, sulla legge morale, sulle relazioni personali.

Il totalitarismo è unicamente pericoloso perché è obiettivamente guidato e non controllato da qualsiasi altra considerazione. È molto efficace nel senso che distrugge sistematicamente l’opposizione in un modo organizzato.

I totalitari lavorano usando il terrore con l’uso completamente arbitrario della paura. L’obiettivo del terrore è disorganizzare completamente la società e disgregare il pensiero individuale. Non puoi mai prevedere, non puoi mai sapere cosa verrà dopo. Questa disorganizzazione è essenziale perché lascia solo l’ideologia dominante – la legge naturale – come principio guida.

Le persone in uno stato totalitario sono come animali in preda al panico, pronti per essere allevati, abbattuti, macellati e usati per far avanzare l’ideologia. Il terrore e la paralisi sono i cardini della politica pubblica negli stati totalitari. 

Il lockdown per il Covid-19 non è stato del tutto totalitario, ovviamente.  “Eravamo più vicini che mai a uno stato di polizia” ma uno “stato di polizia” non significa uno stato totalitario. Abbiamo ancora molte libertà. Tuttavia puoi sentirne l’odore e il sapore.

I sostenitori del lockdown instillano paura. Sono arbitrari, puoi andare a comprare alcol ma non in chiesa. Un esempio notevole di questa arbitrarietà è che le scuole e le università restano chiuse mentre discoteche e locali pubblici riprendono le loro attività.

In questa crisi dovuta al Covid, dobbiamo considerare attentamente le implicazioni sociali e politiche delle misure adottate dal governo per arginare la pandemia.

Una nazione paralizzata dalla paura e bloccata dal governo per editto si è mossa in modo sottile ma innegabile verso le dinamiche totalitarie. La paura e la quarantena involontaria comportano molto più di un semplice prezzo economico.

Il totalitarismo non è meno mortale di una pandemia ed è altrettanto difficile da diagnosticare nella sua fase iniziale.

Ulteriori riferimenti:

https://www.databaseitalia.it/il-1984-di-orwell-e-adesso-e-drammaticamente-adesso/

https://www.databaseitalia.it/dott-paolo-bellavite-si-sfrutta-la-paura-da-covid19-per-introdurre-un-nuovo-obbligo-vaccinale/

https://www.databaseitalia.it/scienziati-scrivono-al-governochiarimenti-immediati-e-fine-allemergenza-sanitaria/

https://www.databaseitalia.it/lesperimento-italia-di-bill-gates-un-popolo-usato-come-cavia/

https://www.databaseitalia.it/video-zangrillo-infastidito-al-giornalista-del-tg5-nessuno-mi-impedira-di-dire-la-verita/