L’arcobaleno e il suo significato sacro, vero e originario

424
a cura della Comunità Militante Furor
Da sempre l’arcobaleno è stato visto come un simbolo di serenità con la Bibbia, che nella Genesi lo identificava come simbolo di alleanza tra Dio e gli uomini dopo il diluvio universale.
Ora, però, il nostro arcobaleno viene utilizzato in modo totalmente sovversivo, storpiando il suo significato che assumeva in precedenza. Infatti sin dagli anni ’80, questo viene utilizzato nelle manifestazioni di orgoglio gay inserendo i suoi colori nelle bandiere di questi movimenti ed etichettando ogni singolo colore con una funzione che rappresenti gli omosessuali.
Significati totalmente diversi e contrastanti tra loro, l’uno che propone un’alleanza divina, sacra, l’altro che cerca una dissacrazione ed una distruzione di qualsiasi elemento che porti avanti il primo significato.
Nella Bibbia, infatti, Dio dice a Noè: «Questo è il segno dell’alleanza, che io pongo tra me e voi e tra ogni essere vivente che è con voi per le generazioni eterne. Il mio arco pongo sulle nubi ed esso sarà il segno dell’alleanza tra me e la terra. Quando radunerò le nubi sulla terra e apparirà l’arco sulle nubi ricorderò la mia alleanza che è tra me e voi e tra ogni essere che vive in ogni carne e non ci saranno più le acque per il diluvio, per distruggere ogni carne. L’arco sarà sulle nubi e io lo guarderò per ricordare l’alleanza eterna tra Dio e ogni essere che vive in ogni carne che è sulla terra».
Ebbene sì, da mezzo di avvicinamento a Dio stanno trasformando questo in un mezzo di allontanamento, distruggendo pian piano ogni metodo di trascendenza, chiudendoci in una cupola di ferro che non ci fa vedere il sole e la sua luce, mettendo anche interessi economici al primo posto per i vari pride, che portano degenerazioni dell’essere umano in tutto e per tutto, vedendo anche ridicole sfilate di uomini in mutande e museruola.
È questo ciò che voleva Dio dopo la sua alleanza con gli uomini stipulata per mezzo dell’arco?
La risposta sembra chiara e quasi scontata, eppure alcuni esseri umani pensano di essere superiori a Dio, capaci di Superarlo e quindi non ammettere la Sua esistenza, poiché essendo esseri pensanti si credono onnipotenti e capaci di qualsiasi cosa, giustificandosi con l’uso della ragione dicendo che si può spezzare ogni limite e arrivare al “grado” di divinità.
Purtroppo oggigiorno siamo arrivati a ciò e i movimenti lgbt sono solo un esempio di questo metodo sovversivo, dove troviamo giovani che al posto del Sacro mettono la bestemmia solo perché fa “figo”, politicanti che vogliono eliminare elementi religiosi quali per esempio i crocefissi dai luoghi pubblici, solo perché potrebbero offendere qualcuno…
Insomma ne sentiamo e ne vediamo di tutti i colori da chi cerca di svendere l’elemento religioso, però in questi momenti l’unica cosa che si può fare è guardare quell’arcobaleno pensando al suo significato primordiale e alla vicinanza di Dio a noi che mai si esaurirà finché ci sarà quell’arco sopra le nostre teste.