Tra Firenze e Brescia, Cinabro Edizioni in tour

218

Dopo due anni, Cinabro Edizioni torna a Firenze, ospite di Casaggì – Spazio identitario, assieme a Mario Polia per presentare il suo secondo libro della collana “Paideia”: “L’etica del guerriero. La via dell’azione nella Bhagavad Gita”.
Dopo i saluti della comunità ospitante e un breve saluto introduttivo di Cinabro Edizioni, Mario Polia ha spiegato il senso e gli obiettivi della collana da lui diretta: difendere le radici d’Europa.
Ma ciò non è possibile senza amarle ma soprattutto senza viverle e amarle non si può senza conoscere in profondità i valori che esse propongono, la loro bellezza, l’universale validità dei loro contenuti. E, una volta conosciuti, senza viverli nella quotidiana esistenza.
I volumi di “Paideia” sono dedicati a propiziare questa conoscenza e questa esperienza. A ridestare l’amore per l’eredità di cui siamo figli e custodi nonché il coraggio di diventarne i testimoni. Parole di fuoco che hanno scaldato gli animi dei tanti accorsi per fare tesoro dei moniti che hanno lasciato un segno profondo nei presenti e stimolato la crescente attesa per le future pubblicazioni della collana di prossima uscita.
Intanto, mentre a Firenze Mario Polia scolpiva gli Exempla indoeuropei con le sue parole vibranti, Cinabro Edizioni era presente anche a Brescia per la presentazione del libro “Lo spirito del combattente” assieme ai curatori della Comunità Militante Furor, ospiti dei ragazzi di Azione Studentesca Brescia.
Più di due ore per la presentazione che ha coinvolto direttamente i relatori e il pubblico stesso, composto prevalentemente da ragazzi e ragazze interessati a comprendere il profondo significato di questo breviario di lotta e combattimento che tanto successo sta riscuotendo in queste settimane.
Dopo l’introduzione di Azione Studentesca che ha spiegato l’importanza di avere un approccio combattivo nella politica e nella vita in generale, Cinabro Edizioni ha invitato tutti a riappropriarsi di parole, idee e concetti che questo mondo moderno sta mistificando o condannando. Furor ha dunque sottolineato, con esempi pratici ed esperienze di vita vissuta, che il combattimento e la lotta diventano decisivi anzitutto per vincere il nemico interiore, il vero avversario che risiede in noi, mentre il ring diventa solo l’occasione per mettersi alla prova e sfidarsi con lealtà e sacrificio.
Cinabro Edizioni non si ferma e dunque l’appuntamento è già fissato alle prossime presentazioni in giro per l’Italia.