Il problema sono i giacobini, non l’Islam

843
Per l’ennesima volta la Francia si fa portavoce del laicismo giacobino a tutti i costi, sputando in faccia a tutti e tutto. Non c’è niente che tenga: non c’è pudore, tradizione, popolo, razza o religione che il giacobinismo francese, nel nome dia una falsa, vacua e inesistente libertà, non può infangare e insultare. Hanno già insozzato una volta il mondo intero con il loro odio verso l’ordine e la pace, e da allora lo fanno in continuazione.
Ieri era il Re, oggi Maometto, domani può essere il Popolo Italiano, Gesù Cristo (come spesso fanno) o chissà chi altro. Ma ai Giacobini poco importa chi, l’importante è creare il deserto, distruggere tutto perché in fondo “che volete che sia una risata”? Eppure una risata è tutto, e ci sono cose che bisognerebbe evitare di oltraggiare. Il presidente Macron ha pure il coraggio di utilizzare la carta del terrorismo “islamo-fascista” (come va di moda chiamarlo fra i giornaletti di regime e la sinistra radical-chic); si, proprio lo stesso “Manù” che ha finanziato e finanzia le peggiori tagliagole islamiste in Siria.
Chi di terrorismo colpisce prima o poi di terrorismo perisce”, e così rischia la Francia, che stavolta non ha trovato di fronte a sé un popolo debole e inebetito, condizionato da Smartphone e lockdown, ma Nazioni fiere, frementi, che pongono al di sopra di tutto valori ben più alti e preziosi che l’economia o il pareggio di bilancio. L’importante per Noi di questi giorni è non perdere la dritta via, non scadere nell’odio “partitico” e “particolare”, ma riconoscere quale sia il vero nemico. E il vero nemico non è l’Islam, ma lo sono il relativismo, il giacobinismo, l’eresia materiale e tutto ciò che di male ha seguito e segue la Rivoluzione Francese.

(tratto da ansa.it) – Nizza: attacco a Notre Dame, tre morti. il killer sbarcato a Lampedusa

Attacco all’arma bianca nei pressi della chiesa di Notre-Dame, a Nizza (LA DIRETTA BFM-TV). Il deputato di zona, Eric Ciotti, parla su Twitter di attentato.

Secondo informazioni di BFM-TV, il bilancio dell’attentato nella chiesa di Notre-Dame di Nizza sale a 3 morti e diversi feriti.

E’ stato fermato l’autore dell’attacco: lo riferiscono fonti di polizia citate dall’agenzia France Presse. “Tutto lascia supporre un attentato terroristico in seno alla basilica di Notre-Dame”, dice il sindaco Christian Estrosi.

“Una donna è stata decapitata”, dice ai microfoni di BFMTV Laurent Martin de Fremont, ufficiale di polizia di Nizza. In un primo momento sembrava che ad essere decapitato fosse stato un uomo. Ci sono altri feriti nell’attentato. L’aggressore, ha

detto il funzionario, è stato ferito e si trova in ospedale. Non si esclude la presenza di complici.

Il premier francese, Jean Castex, lascia l’Assemblea Nazionale per recarsi alla cellula di crisi in Place Beauvau, dopo l’attacco a Nizza. Dopo il minuto di silenzio osservato dai deputati, il presidente all’Assemblea, Richard Ferrand, ha sospeso la seduta.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, si sta recando presso l’unità di crisi aperta al ministero dell’Interno di Parigi, in Place Beauvau, in seguito all’attacco alla basilica Notre-Dame di Nizza: è quanto afferma l’Eliseo.