Contro il morire della Luce

323
“Infuria, infuria, contro il morire della luce!”
Con queste potenti parole, Dylan Thomas ci invita a non rassegnarci passivamente anche a un destino che appare già scritto.
La nobile e disciplinata indocilità, la bellezza di esprimere se stessi contro un mondo ostile è il marchio distintivo dell’uomo ben formato.
Senza rabbia eccessiva, ma con fermezza e misura. Verità e Giustizia: e ciò ampiamente basta. E ciò, anzi, è tutto.
Si tratta di camminare ben fermi su una via insidiosa, di non scartare, di non rendere tutto facile a chi ci vuole sottomessi e impauriti.