[Podcast] Oltre il muro di Berlino

222

La caduta della “Barriera di Protezione Antifascista”, nome ufficiale del Muro di Berlino, fu uno “shock culturale”, come subito l’ha definito il relatore-intervistato Andrea Marcigliano: sia per i fervidi comunisti, sia per chi vedeva nel comunismo il mostro che avvelenava la civiltà occidentale.

Questo, tuttavia, non fu un evento inaspettato, ma un punto d’arrivo. Infatti, l’URSS non fu sconfitta, per lo meno esplicitamente, dagli Stati Uniti, ma dalla propria struttura interna: statica e rigida, incapace di adattarsi alle nuove forme sistemiche. A ormai 30 anni dall’avvenimento di tale evento, è risultato doveroso fare delle riflessioni su come tale evento abbia modificato indiscutibilmente le sorti di un intero pianeta, sconvolgendo un ordine mondiale e dando vita a un nuovo processo di evoluzione sociale.

PER ASCOLTARE IL PODCAST, ISCRIVITI AL CANALE PATREON DI RAIDO, CLICCANDO QUI!