Armati di KULTUR! Novità dagli scaffali

170

BRASIL POTÊNCIA

Titolo completo: Brasil potência
Autore: Luca Tadolini
Anno: 2020
Pagine: 355
Il libro: Dal 31 Marzo 1964 al 15 Marzo 1985 il Brasile fu governato dai militari. I generali avevano preso il comando di una nazione di dimensioni continentali, facendone, mentre era in corso la Guerra Fredda, un baluardo anticomunista. La sudditanza nei confronti dell’alleato nordamericano fece del Brasile un paradigma del militarismo al servizio degli Stati Uniti. Paradossalmente e in maniera inaspettata, i vertici militari brasiliani si rivelarono seguaci di una visione geopolitica che prevedeva per il Brasile un destino di nazione egemone sul continente sudamericano e uno status di potenza mondiale. Brasil potência, il loro obiettivo, non veniva proclamato alle adunate e la loro strategia ebbe definizioni pacate, quali Pragmatismo responsabile e Universalismo. Tuttavia i generali brasiliani furono in grado di assumere alcune audaci iniziative politiche e diplomatiche nei riguardi dell’Angola e della Cina Popolare. Fra tutti, il Presidente Generale Ernesto Geisel accettò lo scontro con gli Stati Uniti: dall’accordo con la Germania per energia nucleare fino al voto di condanna del sionismo alle Nazioni Unite e all’interruzione dell’assistenza militare USA.
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

LA LOTTA PER BERLINO

Titolo completo: La lotta per Berlino
Autore: Joseph Goebbels
Anno: 2020
Pagine: 304
Il libro: Nella seconda metà della Repubblica di Weimar, l’azione politica dello Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori ebbe tra le sue priorità fondamentali la “lotta per la conquista delle strade” e la “lotta per Berlino”, per la capitale del Reich.
È a queste due priorità che Joseph Goebbels, Gauleiter di Berlino dal novembre del 1926, dedicò nel 1932 un libro, dandogli il significativo nome di Kampf um Berlin. Der Anfang (La battaglia per Berlino. L’inizio). Tale libro – che descrive il primo anno da Gauleiter di Goebbels e che Thule Italia propone, così come nella versione originale, con un ricco contributo iconografico, fatto di foto d’epoca, manifesti dei vari raduni e vignette e disegni propagandistici (in primis quelli di Mjölnir) – contiene sia le motivazioni del perché fosse tanto importante per lo NSDAP il riuscire ad avere il dominio delle strade nella capitale, in quella roccaforte del Movimento operaio che era allora Berlino; sia un’accurata descrizione degli obiettivi e delle procedure organizzative delle manifestazioni nazionalsocialiste in questo suo primo anno di gestione del Gau.
Punto di partenza delle considerazioni di Goebbels, sono il predominio del Partito Comunista Tedesco nell’organizzazione delle dimostrazioni di massa e l’indispensabile rivalità nei confronti dei comunisti riguardo al dominio delle strade, forte della convinzione che solo colui che avesse conquistato la strada e le masse sarebbe poi stato in grado di conquistare anche lo Stato. Ecco allora dipanarsi le varie manifestazioni pubbliche con le conseguenti lotte di sala. Ma anche le varie azioni propagandistiche, all’insegna di un concetto di propaganda assolutamente moderno e innovativo, fatto di volantini, manifesti, raduni di massa e manifestazioni per le strade. E di un organo di stampa e di lotta, quel “Der Angriff” cui è dedicato un intero capitolo del libro.
Non possono ovviamente mancare pagine emozionanti sul Congresso di Norimberga del 1927, e passaggi toccanti sulla SA – su quell’“ignoto uomo della SA” che rappresentava il vero nerbo del Movimento e il grande protagonista del Kampfzeit, il “periodo della lotta” – e sulla Vecchia Guardia del Partito, cui peraltro il libro è dedicato.
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

DIZIONARIO DEL MITO

Titolo completo: Dizionario del mito
Autore: Mircea Eliade
Anno: 2018
Pagine: 428
Il Libro: Il mito è un racconto sacro ed esemplare che riferisce un avvenimento del tempo primordiale e fornisce all’uomo un senso determinante per il suo comportamento. Per la sua funzione simbolica, esso svela il legame dell’uomo con il sacro. I miti sono giunti a noi tramite testi scritti e tradizioni orali: grazie a questa copiosa documentazione, la ricerca moderna ha potuto fare una rilettura delle spiegazioni del mito elaborate nel corso dei secoli. Le radici del pensiero mitico affondano nel Paleolitico e l’arte parietale rappresenta una documentazione di primaria importanza per lo studio di questo pensiero e delle sue origini. Si giunge quindi alla ricerca di Mircea Eliade e altri sull’edificio religioso del Neolitico. Con la sedentarizzazione e la scoperta dell’agricoltura, l’uomo diventa produttore del proprio cibo, sperimentando così una solidarietà «mistica» tra sé e la vegetazione. La scienza delle religioni situa il mito «al centro», si pronuncia per la realtà di un progetto organico che tende a delineare la statura dell’uomo elementare con un tratto che va dal simbolo al rito, passando per il mito. Questa traiettoria bioantropologica, una volta sviluppata, si ripiega e ritorna al simbolo, suo principio. Continuamente ripreso o ripetuto nei lampi della violenza e nei morsi dell’eros, il progetto organico del simbolo, del mito e del rito tende a generare l’immagine di una spirale a cerchi variabili la cui punta ricerca un assoluto che si schiude negli esiti del sacro e che potrebbe essere chiamato, non dio, ma il divino. Introducono alla lettura i saggi di Julien Ries e Jacques Vidal.
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

DRIEU LA ROCHELLE: IL MITO DELL’EUROPA

Titolo completo: Drieu La Rochelle: il mito dell’Europa
Autore: G. Giannettini, M. Prisco, A. Romualdi
Anno: 2020
Pagine: 134
Il libro: Quali sono – si chiedeva Adriano Romualdi – le affermazioni fondamentali di Drieu, quelle destinate a diventare patrimonio spirituale di quanti vogliano ancora lottare contro la decadenza dell’Occidente? In primo luogo, l’idea europea.
Scrittore di grande temperamento e simbolo della Collaborazione, Pierre Drieu La Rochelle è stato uno dei migliori letterati del Novecento francese. Questo libro – divenuto un classico – vuole offrire una radiografia della sua opera, della sua tensione e della sua figura: dalle origini normanne al suo contributo nella Grande Guerra; dalla brillante vita parigina alla fiorente attività letteraria, passando per l’adesione al Fascismo, la religiosità pagana e il suicidio finale.
Un contributo potente e attualissimo, il cui monito è fissato aldilà dello spazio e del tempo:
Noi siamo uomini d’oggi.
Noi siamo soli.
Non abbiamo più dei.
Non abbiamo più idee.
Non crediamo né a Gesù Cristo né a Marx.
Bisogna che immediatamente,
Subito,
In questo stesso attimo,
Costruiamo la torre della nostra disperazione e del nostro orgoglio.
Con il sudore ed il sangue di tutte le classi
Dobbiamo costruire una patria come non si è mai vista.
Compatta come un blocco d’acciaio, come una calamita.
Tutta la limatura d’Europa vi si aggregherà
per amore o per forza.
E allora davanti al blocco
della nostra Europa
l’Asia, l’America e l’Africa
diventeranno polvere.
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

TIFONIA E CADMEIDE

Titolo completo: Tifonia e Cadmeide
Autore: Nonno di Panopoli
Anno: 2020
Pagine: 200
Il libro: Nella stessa collana editoriale in cui è apparsa due anni fa una versione del poemetto latino di Claudio Claudiano sulla Fenice , le Edizioni all’insegna del Veltro pubblicano adesso la parte iniziale della mastodontica opera di un altro poeta dell’Egitto ellenizzato, conosciuto sotto il nome (o l’epiteto) di Nonno.
Vissuto nel V secolo dell’era volgare a Panopoli (l’odierna Akhmim), sulle rive del Nilo, Nonno è infatti l’autore di un poema epico sulla conquista dell’India da parte di Dioniso: le Dionisiache, in quarantotto canti, come l’Iliade e l’Odissea messe insieme. Nonno compose anche una parafrasi poetica del Vangelo di Giovanni, verosimilmente dopo essersi convertito alla religione cristiana.
Prima di lui, diversi altri poeti avevano tratto ispirazione per le loro opere dalle imprese di Dioniso; già all’epoca della spedizione di Alessandro in Asia il culto dionisiaco ricevette grande diffusione e conobbe più ampia fortuna, mentre il mito formatosi intorno al grande Macedone faceva di quest’ultimo una nuova epifania del dio; rimane traccia di ciò nell’appellativo di “Bicorne”, con cui il Corano (nella Sura della Caverna) ha contrassegnato il personaggio di Alessandro Magno. In seguito i sovrani dell’Egitto ellenizzato si fregiarono del titolo di “Nuovo Dioniso”; come un nuovo Dioniso anche Antonio impugnò il tirso e si cinse il capo d’edera; lo stesso titolo fu assunto da Adriano e forse, prima di lui, da Traiano. Come scrive Francis Vian, “Dioniso, volta a volta Cosmocrator e Sol Invictus, simboleggia la missione civilizzatrice e pacificatrice di Roma, la clemenza dell’Imperatore e le sue vittorie sui barbari empi; la sua deificazione è il prototipo delle apoteosi e delle eroizzazioni che ricompensano la virtus”.
Dei quarantotto canti del poema, in questo volume sono stati tradotti (in endecasillabi sciolti) i primi cinque, nei quali Nonno rievoca il tentativo intrapreso da Tifone per espugnare l’Olimpo (canti I e II) e le gesta di Cadmo, l’eroe fondatore di Tebe (canti III, IV, V). Quest’ultimo, partito alla ricerca di sua sorella Europa rapita da Zeus , dopo aver aiutato Zeus a sconfiggere Tifone, sposerà Armonia e genererà Semele, madre di Dioniso.
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

CONOSCI TE STESSO

Titolo completo: Conosci te stesso – Documenti per il Fronte della Tradizione. Collana “Radici Profonde” – Fascicolo 49
Autore: Antonio Medrano
Anno: 2020
Pagine: 44
Il libro:  È proprio a causa della mancanza di attenzione su noi stessi che il mondo moderno riesce a eccitare i nostri desideri e, facendovi leva, a convincerci che la nostra libertà consista nel poter accumulare e disporre degli oggetti di cui siamo convinti di aver bisogno, venendo così illusi di poter essere più accettabili agli occhi degli altri: l’ultimo modello di smart–phone, l’abito firmato, le vacanze extra–lusso… ma chi, veramente, vuole lo smart–phone, chi l’abito, chi le vacanze? Posso dire di essere io, o è qualcos’altro da me?
In una domanda: chi sono, veramente, io?
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

IMMAGINI E SIMBOLI

Titolo completo: Immagini e simboli. Saggi sul simbolismo magico-religioso
Autore: Mircea Eliade
Anno: 2015
Pagine: 157
Il libro: Oggi si sta comprendendo una cosa di cui il XIX secolo non poteva avere nemmeno un presentimento, ovvero che il simbolo, il mito, l’immagine appartengono alla sostanza della vita spirituale, che è possibile mascherarli, mutilarli, degradarli, ma che non li si estirperà mai… Le immagini, i simboli, i miti, non sono creazioni irresponsabili della psiche; essi rispondono a una necessità e adempiono una funzione importante: mettere a nudo le modalità più segrete dell’essere. Ne consegue che il loro studio ci permette di conoscere meglio l’uomo, l'”uomo tout court”, quello che non è ancora sceso a patti con le condizioni della storia. Ogni essere storico porta con sé una grande parte dell’umanità prima della Storia. […] Oggi si comincia a vedere che la parte anti-storica di ogni essere umano non affonda, contrariamente a quanto si pensava nel XIX secolo, nel regno animale e, in fin dei conti, nella “Vita”; anzi, al contrario deriva e si innalza ben al di sopra di essa: questa parte astorica dell’essere umano porta, come una medaglia, l’impronta del ricordo di un’esistenza più ricca, più completa, quasi beatifica.
PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!