Comunità Militante Furor | Conte e il vero significato del Natale

300

In un clima di costanti restrizioni sembra quasi inevitabile dover passare il Natale all’interno delle proprie abitazioni. Ma l’avvocato del popolo ha ben pensato di tirarci su il morale ricordandoci l’importanza di un momento così spirituale come questa festività, dicendo testuali parole: “Natale è anche un momento di raccoglimento spirituale, e farlo con tantissime persone non viene troppo bene.”
E’ curioso che a pronunciare queste parole sia stata la stessa persona che ha chiuso per prima cosa le chiese, per poi riaprirle per ultime, dimostrando che il governo tiene a tutto meno che al Sacro e mostrando un velo d’ignoranza riguardo l’argomento religioso, in una precedente conferenza.
Su una cosa però ci ha azzeccato, il Natale è un momento di raccoglimento spirituale, che va oltre il significato che oggi ha assunto a causa del nichilismo e del materialismo dilagante generato dalla società priva di spiritualità che preferisce riempirsi la pancia nei vari cenoni del periodo festivo e dilettarsi a scambiarsi vicendevolmente doni, mettendo da parte il significato originario.
Natale infatti è un momento di rigenerazione: nella romanità precristiana al Natale si ricollegava al risorgimento del sole (Natalis Solis Invicti, nascita del Sole Invitto).
E’ il momento in cui la luce vince sulle tenebre proprio quando sembra ormai sconfitta e allo stesso tempo l’uomo deve vincere sulla sua natura mortale e istintiva.
Dubitiamo che le parole di Conte vogliano rappresentare il significato vero del Natale, piuttosto ci sembra una strumentalizzazione di questo ai fini di mantenere un lockdown.
Niente di nuovo da parte di un governo che dal primo momento ha attaccato il Sacro e non ci aspettiamo assolutamente una riflessione della massa riguardo questa visione originaria; massa che ormai si mostra riluttante nell’accogliere il Sacro e decisa a tagliare tutti i rapporti con questo, preferendo quindi perseguire gli impulsi terreni che portano sulla strada della perdizione.