Burger King diventa Queen e umilia le donne

741
Nessuna descrizione alternativa per questa immagineCome per il movimento LGBT, il mondo delle multinazionali sa come sfruttare certe occasioni per vendere di più
Ecco così che, dopo i vari cambi dei colori sociali da parte delle grandi società mondiali, Burger King se ne esce con questa locandina.
C’è scritto Burger Queen, così il nome della multinazionale del cibo-spazzatura passa da “Re degli hambuger” a “Regina degli hamburger“… Beh, che dire: sicuramente le lotte femministe saranno aiutate e sostenute da questa novità!
Ma d’altra parte, come pretendere che le varie sostenitrici di femminismo-matriarcato-lesbismo-etc possano capire che non si tratta certo di una manifestazione di solidarietà, bensì solo dell’ennesimo squallido mezzo per vendere più panini a quelle antipatiche brufolose androgine?
Ammesso e non concessa la sincerità di certi movimenti, chi ne fa parte dovrebbe sentirsi offeso da certa propaganda: invece, molte donne ne sono felici. E corrono a comprare il “panino da femmina”!