Biden nuovo presidente? Le aziende della cannabis crescono del 300%

212
Guardando le performance dei quattro migliori titoli quotati a Wall Street, che dopo la nomina di Biden a nuovo presidente degli USA stanno registrando performance fino al +20% e per una di essi addirittura il +300% in poche sedute, una domanda sorge spontanea. Di cosa si occupano queste aziende (Curaleaf, Hexo, Cronos e Canopy) che hanno registrato queste performance da capogiro? Tecnologia? Farmaceutica? Nanotecnologia spaziale? Sostenibilità ambientale? Nulla di tutto questo, sono 4 aziende che producono, commercializzano o sono comunque legate al business della cannabis.
Ed allora perché mai stanno prendendo il volo in queste ore? Perchè appare sempre più probabile che i due posti disponibili al Senato USA in base ai risultati delle elezioni in Georgia, andranno ai democratici che a quel punto con un 50\50 dei seggi condivisi con i repubblicani, potranno contare sul voto decisivo di Kamala Harris, vice di Biden, che assicurerebbe ai Dem la maggioranza ad entrambe le camere spianando la strada alle “promesse” di legalizzazione federale della cannabis. E noi che pensavamo che ci fossero altre priorità in questo momento! 

(tratto da investing.com) – Di Mauro Speranza

Non si ferma la corsa dei titoli delle società legate al settore della cannabis in attesa dei risultati delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

Ieri hanno chiuso in forte crescita le società del settore, sia statunitensi che canadesi, come  Aurora Cannabis Inc (TSX:ACB) (+16%), Tilray Inc (NASDAQ:TLRY) (+16%), Cronos Group Inc (NASDAQ:CRON) (+13%), Aphria Inc (TSX:APHA) (+10%), Canopy Growth Corp (NYSE:CGC) (+10%), Curaleaf Holdings Inc (CSE:CURA) (+5%), Hexo Corp (NYSE:HEXO) (+4,90%) e Trulieve Cannabis Corp (CSE:TRUL) (+4,90%). Inoltre, la corsa sembra non essere finita visto il proseguire degli acquisti su queste società nel premarket di oggi.

La settimana scorsa la candidata democratica alla vicepresidenza, Kamala Harris, ha annunciato che in caso di vittoria di Biden la marijuana sarebbe stata depenalizzata a livello federale negli Stati Uniti, facendo partire i rialzi delle società del settore.

Inoltre, Harris ha aggiunto che chiederà la cancellazione dei precedenti penali delle persone condannate per reati legati alla marijuana.

Harris, che ha sostenuto la depenalizzazione della cannabis anche prima che Biden la scegliesse come suo compagno di corsa, è lo sponsor principale del Marijuana Opportunity, Reinvestment and Expungement (MORE) Act del 2019, che ha cercato di porre fine alla proibizione federale della marijuana.