Repubblica esulta quando la Chiesa è colpita

230

A quelli di Repubblica non interessa affatto come si svolgono le Messe. Non interessa se la Liturgia viene ‘migliorata’ (come se si potesse migliorare…). Allora, come interpretare queste notizie diffuse in prima pagina, in alto, tra le prime news?
Così: a Repubblica – e laidi accompagnanti – non gliene frega niente dell’Eucarestia, della Messa, del Papa… Loro sono solo felici che ruoli e competenze vengano mischiati. E che la Chiesa venga colpita. Che la Tradizione venga attaccata. Che la donna (la “loro donna”, quella femminista, abortista, androfoba, misandrica) possa insinuarsi nella Tradizione e prendere posto.
Quindi, non c’è molto da esultare. C’è da prendere atto delle intenzioni malefiche di chi pensa certe cose, di chi le attua e di chi le diffonde come ‘progresso-innovazione’.