Vaccino?! Che ci sia o meno cambia poco!

320

Fra un mese e qualche giorno sarà passato un anno da quando per la prima volta ci hanno rinchiuso in casa. 365 giorni da quando ci avevano promesso “tre settimane di quarantena per fermare il contagio”. L’8 marzo sarà passato infatti un anno esatto da quando ci avevano detto che non ci sarebbero stati più lockdown, zone rosse, quarantene, se non quella breve di marzo. E da quel momento in avanti attraverso i mass media i cosiddetti esperti hanno iniziato a costruire una narrativa sul vaccino come unica possibilità di salvezza. Ora, a 3 lockdown, migliaia di morti, una crisi economica disastrosa e centinaia di migliaia di persone che hanno perso, o perderanno a breve, il lavoro, ci vengono a dire che “forse il vaccino non fermerà il contagio” e che “il vaccino non cambia nulla”. Insomma, mascherine, distanziamento e crisi economica sono e saranno solo colpa nostra. Colpa di chi non si è rinchiuso in casa e non ha accettato la “new normality”, la vita in quarantena per cui devi essere disponibile a lavorare 24h su 24 perché tanto “sei a casa tua”.

Manca dunque poco e potremmo dire che è passato un anno da quando il mondo è cambiato e in peggio, per sempre. Questo, d’altra parte, non significa che tutti si sono arresi, che tutti si sono rassegnati allo smart working e s**it living. C’è ancora chi rimane in piedi fra le rovine di questo mondo disastrato, smarrito e sempre più confuso. E, vaccino o non vaccino, lockdown o meno, queste stesse persone non si arrenderanno mai.


(Tratto da Ansa.it) – ‘Non sappiamo se vaccino previene contagio’

Le persone che sono state vaccinate contro il coronavirus potrebbero comunque trasmetterlo a chi non ha ancora ricevuto il farmaco, per questo è importante continuare a seguire le regole di distanziamento sociale. E’ l’avvertimento del professor Jonathan Van Tam, consulente del governo britannico e vice capo della Sanità inglese.


 In Gran Bretagna sono 5,8 milioni le persone che hanno ricevuto la prima delle due dosi di vaccino necessarie, 478.248 soltanto nella giornata di ieri, numero record dall’inizio del programma l’8 dicembre. Tuttavia, scrive il professore in un articolo pubblicato sul Sunday Telegraph, “anche se le avete avute entrambe potreste trasmettere il Covid-19 a qualcun altro”.
 Il vaccino “può evitare di ammalarsi in modo grave”, spiega Van-Tam, “ma non sappiamo ancora se impedisce il contagio”.