USA: nuovo presidente, soliti vecchi crimini

173

(Tratto da Maurizioblondet.it) – Caccia russi impediscono a Israele di colpire nuovamente la Siria di Maurizio Blondet


Notizia da Avia.pro del18 marzo:
L’esercito russo è passato dalle parole ai fatti e ha cominciato a impedire che l’IDF bombardasse la repubblica araba.
La riluttanza di Israele a rispettare gli accordi precedentemente raggiunti tra Benjamin Netanyahu e Vladimir Putin sull’allentamento della situazione in Siria ha ora provocato problemi piuttosto seri per l’IDF. Quindi, un giorno fa, gli aerei israeliani hanno cercato di colpire la capitale siriana dal confine libanese-siriano; ma i caccia delle forze aerospaziali russe erano già in cielo…
Secondo la risorsa di monitoraggio “Sentry Syria”, circa un’ora prima dell’attacco israeliano, l’intero spazio aereo occidentale della Siria era attivamente controllato da aerei militari delle forze aerospaziali russe, così come il 9 marzo, quando l’attacco israeliano è stato generalmente interrotto a causa del volo dei caccia Su-30 e Su-35, nonché dell’impostazione di potenti disturbi da parte di un sistema di guerra elettronica sconosciuto.
Non ci sono commenti ufficiali. Tuttavia, gli analisti attirano l’attenzione sul fatto che il lancio di attacchi missilistici all’aeroporto internazionale di Damasco dalle alture del Golan è stato inefficace per Israele, poiché un gran numero di sistemi di difesa aerea sono stati schierati in questa direzione, a seguito del quale, si presume, almeno tre missili siano stati abbattuti durante l’avvicinamento.

 

Israele ha colpito dopo che tre aerei Il-76 sono atterrati a Damasco, in seguito alla base aerea di Khmeimim.
Подробнее на: https://avia.pro/news/rossiyskie-istrebiteli-vnov-pomeshali-izrailyu-nanosit-udary-po-sirii
 
Segue, di Gordon Duff:
La spregevole “guerra oscura” americana contro il popolo siriano
Gli Stati Uniti sono impegnati in una guerra in Siria, nessun segreto per nessuno lì, è in corso da molto tempo. Gli Stati Uniti sono in Siria per “salvare il popolo siriano” dall’essere soggiogato dall’ISIS.
Ma gli Stati Uniti non se ne vanno mai e mentre l’ISIS è più o meno scomparso , gli Stati Uniti continuano a portare sempre più truppe, occupando sempre più territorio e hanno un solo vero obiettivo, il popolo siriano.
Il misterioso “Caesar Act”, promosso da Trump e Israele nel 2019, è designato per proteggere il popolo siriano da ciò che agli Stati Uniti viene costantemente detto è il “brutale regime di Assad”. Provate a scrivere qualcos’altro e l’FBI ti bussa alle porta. A me l’ hanno fatto un paio di volte.
Riferire la verità sulla Siria può mettere in prigione qualsiasi giornalista americano o peggio. Non penserai che “loro” uccidano i giornalisti in America?
Vai alla pagina dell’Editorial Board di Veterans Today e scorri verso il basso fino a In Memoriam e guarda quanti membri del personale sono morti per cause diverse da “cause naturali”. Il numero ha raggiunto due cifre qualche tempo fa, il più alto per qualsiasi pubblicazione.
Come spesso accade, è utile fornire citazioni dai media che potrebbero spiegare l’origine del Caesar Act o il suo reale impatto: niente petrolio per riscaldare, sanzioni sulle importazioni di cibo mentre gli Stati Uniti incendiano i campi di grano siriano o permettono alla Turchia di rubarlo per venderlo all’Italia per gli spaghetti, è una storia non raccontata.
[…]
Le sanzioni inflitte alla Siria da Trump sono sconosciute al popolo americano, non possono essere discusse dai media statunitensi, nessuno ne ha sentito parlare.
Si basano su una narrativa in gran parte falsa. Il governo di Assad non è perfetto, ma è più responsabile di molti. Ho visitato le prigioni lì, visitato i tribunali, riesaminato casi e mi sono anche reso conto che questo sforzo è stato guidato in una certa misura.
Ho anche trascorso ore con l’allora ministro della giustizia siriano, il dottor Najm Hamad al Ahmad, che ora scrive per Veterans Today e fa parte del suo comitato editoriale come consulente.
Ho anche passato del tempo a indagare nelle prigioni americane dove la tortura è comune e totalmente non denunciata. Le normali pratiche nelle carceri americane consistono nell’incatenare i prigionieri ai piani degli autobus e guidare circa ora dopo ora nel freddo gelido, nella “posizione di stress” di Abu Ghraib.
Oh, avevamo dimenticato Abu Ghraib?
Poi c’è l’interrogatorio della Coca Cola. Le guardie scuotono una lattina di Coca Cola e tirano la linguetta tenendola sotto il naso di un prigioniero. È mille volte più doloroso dell’annegamento simulato che Donald Trump amava tanto. Dal britannico Guardian:
Donald Trump ha detto che avrebbe “riportato un inferno di molto peggio del waterboarding”, o annegamento simulato, al  dibattito repubblicano a Manchester, nel New Hampshire , sabato.
Ricordiamoci anche che, prima del 2006, il Pentagono aveva ordinato alle truppe statunitensi di ignorare totalmente i protocolli della Convenzione di Ginevra sulla tortura totale e sulle esecuzioni sommarie di detenuti.
Ricordiamo anche che le prigioni segrete costruite sotto Bush, non solo Guantanamo ma l’enorme complesso in Polonia, presumibilmente chiuso nel 2008, è probabilmente ancora in funzione nonostante il fatto che un’indagine del Congresso abbia scoperto che la maggior parte dei detenuti erano detenuti senza motivo a tutto, non solo innocenti, ma semplicemente preso per strada da gangster assunti dalla CIA solo per aumentare i numeri e giustificare spese gonfiate.
Non solo nessuna delle pratiche dell’era Bush si è fermata, ma sono aumentate anche sotto Trump, così come la copertura. Da Human Rights Watch :
Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha fatto della Corte penale internazionale (ICC) l’ultimo obiettivo del disprezzo della sua amministrazione per lo stato di diritto globale. Le sanzioni e il divieto di visto per la famiglia che ha autorizzato l’11 giugno per l’uso contro i funzionari della CPI sono strumenti solitamente riservati ai violatori dei diritti umani, non a coloro che cercano di ritenerli responsabili in processi equi.
Le sanzioni dell’amministrazione Trump, minacciate dal 2018, mirano a scoraggiare il controllo giudiziario sulla condotta dei funzionari statunitensi in Afghanistan e dei funzionari israeliani in Palestina.
Questa è la nazione che giudica la Siria, la nazione che affama il popolo siriano e lo fa per proteggere, dice, il popolo siriano dal proprio governo eletto.
Vogliamo andarci, discutere di elezioni irregolari in Siria? Gli Stati Uniti sono arrivati ​​in un lampo dal dover rimuovere Trump dalla carica sotto la minaccia delle armi, dopo aver perso un’elezione per oltre 7 milioni di voti e un violento tentativo di colpo di stato.
Sono gli Stati Uniti che giudicano il popolo siriano. Perché si accaniscono così?
Nella misura in cui gli Stati Uniti si trovano sempre più irrilevanti in Medio Oriente, anche la Siria diventa sempre più il fulcro dell’ultimo sussulto americano in Asia occidentale.
Gli Stati Uniti stanno “raddoppiando” in Siria, costruendo forze, addestrando davvero gruppi terroristici, rubando petrolio e ora minacciando di fornire elicotteri ai curdi.
Mi ricorda qualcosa del 2005. Andavo in giro con il Primo Ministro Barzani nella sua Range Rover. Avevamo con noi un paio di auto della sicurezza, eravamo stati alle riunioni con i leader tribali. All’epoca ero il rappresentante delle Nazioni Unite per il KRG.
Ad ogni modo, ci siamo portati in un complesso recintato. Stavo scattando foto con la mia fotocamera Canon 3MP, allora niente smartphone .
Quando siamo entrati nel cancello, si è allungato e mi ha colpito il braccio, quello che reggeva la telecamera. Avevo appena fotografato una fila di elicotteri Apache che gli Stati Uniti avevano regalato ai curdi, molto tempo fa, seduti di fronte a una fila di carri armati M1A.
L’esercito siriano alla riconquista di Palmira
Cosa abbiamo imparato lì? Abbiamo appreso che gli Stati Uniti stavano giocando, comprando lealtà con armi, armi che il Congresso non voleva che i curdi avessero, che continuiamo a sostenere che non hanno, non possono avere, armi che hanno 16 anni.
Ora vengono sostituite con nuove armi “inesistenti”.
Oggi, hanno catturato i piloti americani che addestrano altri gruppi curdi e che hanno dato loro anche gli elicotteri, questi all’interno della Siria. I gruppi provengono, ovviamente, dalla Turchia, terra siriana promessa, case del popolo siriano, denaro dalla vendita di petrolio siriano e grano siriano e grandi guadagni dalle casse della droga della CIA.
Non ci sarà alcun ritiro di Biden dalla Siria proprio come il ritiro di Trump è stato falso, con truppe in arrivo, nuove basi in costruzione, nuove basi aeree e un blackout totale negli Stati Uniti su ciò che gli Stati Uniti stanno facendo.
La lunga parata di camion petroliferi che abbiamo visto distruggere anni fa da piloti russi è di nuovo lì, che sfila in Turchia, contanti per finanziare cosa? Dove vanno i soldi?
Gli Stati Uniti stanno riformando l’ISIS all’interno della Giordania, con l’aiuto dell’Arabia Saudita. Il nuovo trucco degli Stati Uniti è rinominare l’ISIS come “Maghaweir Thowra. I leader dell’ISIS imprigionati ad Hasakah e altrove sono stati rilevati dai Navy SEALS e volati in Arabia Saudita per controlli sanitari e poi si sono trasferiti in Giordania dove sono stati inquadrati in nuove unità e riportati in Siria dal sud.
Lì, vivono ad al Tanf sotto la protezione degli Stati Uniti mentre eseguono pattuglie a lungo raggio e occupano basi in tutto il deserto orientale siriano. Da lì, collaborano con i gruppi dell’ISIS lungo il confine iracheno e si coordinano con i gruppi appoggiati dagli Stati Uniti vicino ai giacimenti petroliferi siriani, gruppi di “forze di protezione” ora guidati da ex comandanti dell’ISIS.
A Idlib, al Qaeda gestisce il proprio “califfato” da quasi un decennio, protetto dai Caschi Bianchi e dalle agenzie di intelligence occidentali… L’occupazione degli Stati Uniti e la guerra alla Siria persisteranno finché le bugie che la fomentano persisteranno.
Questa, di per sé, è un’altra storia, ma una storia che tocca tutte le altre storie, una storia sulla natura della verità e sul perché la verità conta così poco per coloro che sono impiegati per dissimulare, manipolare e disinformare.
Quello che suggerisco è questo, coloro che sono coinvolti nella creazione della falsa narrativa che supporta la guerra senza fine, che giustifica l’apartheid e il genocidio, devono essere processati. Come li troviamo? E’ facile, Google non li censura mai, ottengono premi, vengono finanziati, trasmessi in televisione, pubblicati, onorati e arricchiti.
Le politiche malate che tutti gli uomini perbene odiano esistono solo perché sono sostenute da pilastri di bugie. Quante nazioni, quanti popoli sono presi di mira? Possiamo contare così in alto?
Gordon Duff è un veterano dei Marines della guerra del Vietnam che ha lavorato per decenni su questioni relative a veterani e prigionieri di guerra e si è consultato con i governi sfidati da problemi di sicurezza. È redattore senior e presidente del consiglio di   Veterans Today , in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook “.