IN PIEDI! | Difendere l’Ordine Sacro

254

Siamo chiamati a difendere confini e avamposti dimenticati dai nostri contemporanei, luoghi e terre ormai da tempo deserte, sotto cieli neri e pesanti, sferzati da venti di bufera.

Faremo poca strada se cercheremo ricompense materiali per questo servizio militare, per questa veglia silenziosa. Non attendiamocene, per fortuna.

Ci sarà un premio ben maggiore del plauso degli inconsapevoli ad attenderci al termine della nostra guardia: essere stati, ciascuno con le proprie qualità e capacità, strumenti di quell’Ordine Sacro che deve reggere perennemente. Di quella forza invincibile per l’eternità.