Amore, amore che non rivedrai mai

216

25 aprile 1945: pochi uomini, pochi metri d’Europa, nessuna speranza di vittoria.
Eppure, la migliore gioventù del continente ha continuato a lottare per un’Idea che non ha nazione, ma che trascende il tempo e lo spazio: perché l’oro non fagocitasse ogni cosa, perché i vincitori non avessero vita facile, perché ogni casa e ogni strada diventassero un simbolo e un baluardo.