Kamala Harris contro l’immigrazione: aiutiamoli a casa loro

202

Cortocircuito nella sinistra dell’Italietta liberale, dopo che uno dei suoi nuovi falsi idoli, la vicepresidente degli Stati Uniti d’America se ne è uscita con frasi in stile Salvini. Kamala Harris, infatti, ha chiesto ai migranti messicani e guatemaltechi di “non venire negli Stati Uniti d’America” perché saranno respinti; ha poi detto che non devono affrontare il pericoloso viaggio verso nord. Il discorso si è concluso con un molto salviniano “proteggeremo i confini”.
Possiamo immaginare la bile della sinistra italiana e dei più estremisti dei democratici che, fino a poco tempo fa, insultavano Trump perché chiedeva agli stessi immigrati di non venire negli USA. Posto per loro non c’è, e, come ha ribadito la Harris, ci sono strade per “un’immigrazione legale”. Non si tratta di schizofrenia o di un lapsus: questo è il mondo della politica americana. Democratici o repubblicani poco cambia, a decidere sono il Pentagono, le multinazionali e altre nicchie e circoli di potere che da anni ormai trattano il mondo come il proprio giardino privato.
Che ci sia Biden o Trump, la Harris o Bush e Obama gli Stati Uniti rimangono sempre quello: la Cartagine moderna. Una nazione interamente basata sul profitto, sul denaro e sull’avidità. Non c’è un’Idea, un Valore sacro al suo principio, alle sue fondamenta, se non quello del guadagno, dell’utile e della quantità. Dopo aver cavalcato le proteste Black Lives Matter e antifa contro Trump, il duo Biden-Harris sta seguendo le orme del suo predecessore cambiando la comunicazione massmediatica, ma compiendo le stesse azioni.
Dopotutto l’ingordigia delle classi dirigenti statunitensi è ormai un dato di fatto. Lo dimostrano trent’anni di guerre in Medio Oriente. Una florida regione distrutta e insanguinata dalla perfidia di queste persone, democratici o repubblicani che siano. Tolte le maschere, repubblicani e democratici sono tutti uguali.

(Tratto da ansa.it) – Kamala Harris ai migranti, ‘non venite negli Stati Uniti’

Vice presidente in Guatemala e Messico: ‘Proteggeremo i confini’

La vice presidente americana Kamala Harris ha detto ai migranti di Guatemala e Messico di “non venire negli Stati Uniti” perché saranno respinti. Durante la sua prima visita all’estero da quando ha assunto l’incarico, Harris ha parlato del “pericoloso viaggio verso nord” che intraprendono i migranti invitandoli a “non venire.

Gli Stati Uniti continueranno a far rispettare le nostre leggi e a proteggere i nostri confini”. “Se verrete al nostro confine, sarete rimandati indietro”, ha detto la vice presidente sottolineando che ci sono “strade per un’immigrazione legale e sono queste che vanno percorse”.