21 giugno, nel Solstizio d’Estate

220
Nel punto più alto del cielo, giunge la strada luminosa,
al culmine del Mezzogiorno.
Distese le schiere dei raggi, dal chiarore più intenso e dal calore più forte.
Dal cielo il manifestarsi fino a Terra carezzata
nella potente luminosità solstiziale.
Come lo spazio cosmico, la luce attraversi
i cuori, gli animi e le menti.
Si diradi l’ombra e si dissipi l’opacità,
dentro e fuori ciascuno: per liberare limpidi sguardi
ed esserci davvero: per noi,
per ognuno, per tutti.
 Verso il Sole!
In alto i cuori!