VIDEO | L’era della tecnica

204

Il futuro, anzi il presente, purtroppo…

1) Rete Neuronale artificiale

I ricercatori di Neurobotics e dell’Istituto di fisica e tecnologia di Mosca hanno sviluppato una rete neurale che, analizzando le onde cerebrali di una persona, è in grado di ricostruire e mostrare ciò che sta osservando. L’interfaccia cervello-computer sviluppata da MIPT e Neurobotics si basa su reti neurali artificiali ed elettroencefalografia (EEG), una tecnica per la registrazione delle onde cerebrali tramite elettrodi posizionati sul cuoio capelluto. Analizzando l’attività cerebrale, il sistema ricostruisce le immagini viste da una persona sottoposta a EEG in tempo reale.

Fonte: “Natural image reconstruction from brain waves: a novel visual BCI system with native feedback”, Grigory Rashkov, Anatoly Bobe, Dmitry Fastovets, Maria Komarova, 25 ottobre 2019, bioRxiv

2) Robot magazzinieri

La società statunitense di ingegneria robotica Boston Dynamics, famosa per i robot quadrupedi BigDog e Spot e il robot “ballerino” Atlas, ha svelato Stretch, un nuovo robot progettato per piattaforme petrolifere e magazzini che sposterà e ordinerà i prodotti tra gli scaffali. Stretch è ottimizzato per lavorare in perfetta sintonia con gli altri macchinari e robot di Boston Dynamics. Nei dati ufficiali Boston Dynamics afferma che Stretch può spostare fino ad 800 pacchi all’ora e ha una batteria che può facilmente durare per un intero di lavoro, e che permette a Stretch di lavorare anche quando collegato alla corrente.

Fonte: Stretch, Boston Dynamics

3) Realtà aumentata per i soldati

L’esercito degli Stati Uniti ha assegnato a Microsoft un appalto di produzione per la produzione di un sistema IVAS (Integrated Visual Augmentation System). Secondo l’esercito, l’IVAS raggruppa una serie di tecnologie in un solo spazio, che consente ai soldati di combattere, fare test e addestrarsi su un’unica piattaforma. La tecnologia si basa su capacità esistenti come visione notturna ad alta risoluzione, sensori termici e sistemi di trasmissione, fondendoli tutti in un unico auricolare. Ciò assisterà enormemente la consapevolezza situazionale dei soldati, l’impegno nei bersagli e le capacità decisionali.

Fonte:”IVAS Production Contract Award”, Program Executive Office Soldier, US ARMY, 2021

4) Robot in guerra

L’esercito francese ha testato le abilità del cane robot Spot sul campo di battaglia durante una serie di esercitazioni. Lo scopo delle esercitazioni era quello di valutare quanto i robot terrestri disarmati fossero in grado di supportare gli umani, quanto velocemente agissero, quali fossero le loro vulnerabilità e quanto possano essere aggressivi. Fonte: ”Quand l’EMIA part au combat avec des robots terrestres dont le nouveau ULTRO de Nexter”, Ouest-France, 2021 5) Cani robot Aliengo è l’ultimo robot quadrupede sviluppato dall’azienda cinese Unitree. Il robot è simile a un cane e funziona grazie ad un’intelligenza artificiale, ha come caratteristiche principali grandi abilità di movimento, percezione della profondità, forza, reattività e un livello di protezione avanzato. La caratteristica che fa emergere Aliengo tra gli altri robot simili è la sua velocità, che può raggiungere gli 11 km/h. Il robot, inoltre, è in grado di trasportare fino a 5 kg di carico, il che lo rende adatto ad essere impiegato anche in fabbriche o magazzini.

Fonte: Aliengo, Unitree Robotics