Perché pochi salgono in vetta?

157
Perché nessuno scala alcune montagne? Perché invariabilmente i cannoni dei benpensanti smettono di tuonare all’ora dell’aperitivo.
Perché la gente abbrutita ignora il profumo della notte o del mattino, si inietta caffè, alcol o droghe per sopravvivere, ha dimenticato il sapore amaro ma sano e vigoroso dell’ultimo sorso di gavetta.
Chiediti perché tu sei davanti al sentiero e al mistero del giorno che nasce, senza pubblico né scorta di applaudenti, senza riflettori e senza la meridiana ossessione del condividere. “Dividi e condividi“, queste parole tu le rigetti. A quel dogma tu ti sottrai.
Chiediti perché, invece, tu scali certe montagne.