Armati di KULTUR! Novità dagli scaffali

152

QUALE PROGRESSO?

Titolo completo: Quale progresso? Come lasciarsi alle spalle un’ideologia
Autore: Lord Northbourne
Anno: 2021
Pagine: 188
L’AUTORE:
Lord Northbourne (1898 – 1982) studiò scienze agrarie ad Oxford e durante la Seconda Guerra Mondiale fu posto a capo del comitato agricolo in tempo di guerra; in seguito sarà docente presso l’università di Agraria a Londra. Autorevole agronomo – il primo ad utilizzare il termine di ‘coltivazioni organiche’ – fu anche appassionato giardiniere. Traduttore di opere di Guénon e di Schuon in Inghilterra, cercò un significato profondo nella vita e la sua ricerca spirituale lo portò a riaffermare le fondamentali verità metafisiche comuni all’insegnamento di tutte le grandi religioni del mondo. Preoccupato dei molti sconsiderati aspetti della ricerca scientifica moderna, che minavano la visione olistica e tradizionale dell’uomo e quindi dell’universo, coi suoi saggi ha lanciato un responsabile monito all’umanità.
IL LIBRO:
Convinta dell’essenziale bontà del progresso, gran parte dell’umanità è decisamente coinvolta nel proteiforme culto del cambiamento. In effetti i presupposti che sono alla base dell’ideologia progressista non sono mai stati messi seriamente in discussione, né minimamente divulgati. Ormai è cosa urgentissima tirare in ballo tali presupposti e cercare di andare incontro alla reale verità. Nel presente saggio l’autore pone la questione da vari punti di vista. La penetrante chiarezza e freschezza delle immagini presentate al lettore non potranno che contribuire a una migliore e provvidenziale comprensione dell’illusoria fede nel progresso, sia nelle sue origini che nelle sue tendenze contemporanee. Il libro ha il dono di esprimere le verità più profonde della metafisica in un linguaggio semplice e gradevole, tale da sapersi distinguere dalla selva di pubblicazioni che affrontano – spesso in maniera confusa o complicata – la sfera della conoscenza spirituale.

 

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI! 

IGNOTO MILITI

Titolo completo: Ignoto militi – le donne raccontano il figlio d’Italia.
Autore: AA. VV.
Anno: 2021
Pagine: 210
IL LIBRO:
Commemorare. Ovvero cum memorare, ricordare insieme. Nel centenario della commemorazione
del Milite Ignoto, con questo volume la Grande Guerra e i soldati che l’hanno combattuta vengono
raccontati in vari lavori scritti da sole donne. Perché se il Soldato Ignoto è un figlio d’Italia, le donne
ne sono le mamme. Come lo era Maria Bergamas, che alla Patria donò la vita di suo figlio Antonio e
che fu incaricata di scegliere, tra tutti i caduti senza nome, quello che sarebbe dovuto essere sepolto
al Vittoriano, a Roma. E che è ancora lì.
Ignoto Militi raccoglie quattordici scritti: undici come le Salme tra le quali si scelse nell’ottobre del
1921 quella del Milite Ignoto, cui si aggiungono altre storie dell’Italia di ieri e di oggi, di qualcosa
che trascende il tempo. Questi racconti sono un omaggio alla vita, alla famiglia, alla Patria.
“Non si tratta di una carrellata di racconti ma di un affresco corale, quello del Racconto infinito della Grande Guerra e del
sacrificio immortale di chi ha combattuto nei campi di battaglia, nelle trincee e al Fronte, con coraggio e onore.
Si tratta di storie tutte diverse e tutte uguali, in cui ogni vittima è un figlio che ha reso madre una donna e tutti sono figli
d’Italia. Dunque ogni racconto è come un cammeo e l’insieme comprende e supera, sublimandola, la storia di ogni singolo in
una Storia più grande, in cui rivive la nostra Patria”.
dalla prefazione di Isabella Rauti
Le donne che hanno firmato gli scritti che fanno parte di Ignoto Militi, ognuna con la sua sensibilità ed
esperienza personale, hanno dato vita ad un mosaico di storie tutte diverse ma unite da uno stesso sentire
e dalla volontà di rendere omaggio a colui che continua a rappresentare il senso più profondo dell’italian-
ità. Questi i loro nomi: Elena Barlozzari, Carla Isabella Elena Cace, Flaminia Camilletti, Elena Caracciolo,
Giorgia Clementi e Aurora Dipalo, Sara De Angelis, Nadia Dell’Arco, Roberta Di Casimirro, Cristina Di
Giorgi, Alina Di Mattia, Paola Frassinetti, Ines Pedretti, Bianca Penna, Caterina Rovere, Elena Donazzan
e Giovanna Donazzan.

 

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

LA DIFESA DELLA CULTURA

Titolo completo: La difesa della cultura
Autore: Yukio Mishima
Anno: 2020
Pagine: 186
IL LIBRO:
Il volume presenta per la prima volta in traduzione italiana  la raccolta di saggi di Yukio Mishima intitolata La difesa della cultura (Bunka Boeiron, 1968). In questi testi, tradotti da Silvio Vita e Romano Vulpitta, Mishima esamina il rapporto tra cultura, tradizione, nazione, natura e ruolo dell’Imperatore, tutti temi che caratterizzeranno  gli ultimi mesi della sua vita.
La difesa della cultura rappresenta il totale e definitivo passaggio di Mishima dalla “via della penna” a quella della spada, grazie anche all’apporto fisico e morale dei giovani del Tate No Kai, il suo esercito privato, veri ispiratori dell’opera e depositari di un pensiero, quello del drammaturgo giapponese, circondato per anni dallo scetticismo di quanti abbiano bollato come “folle” il modo brutale in cui si tolse la vita il 25 novembre 1970.
“Bisogna affrontare la massa degli schiavi rivoluzionari, con il fegato di chi va avanti da solo anche se gli altri fossero milioni. Non bisogna curarsi degli insulti e delle calunnie, dello scherno e delle provocazioni della folla, ma bisogna affrontarla decisi fino alla morte, per risvegliare quello spirito giapponese che ha corroso. Noi siamo coloro che incarnano la tradizione di bellezza del Giappone.”

 

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

SCRITTI DI SOCIOLOGIA E TEORIA POLITICA

Titolo completo: Scritti di sociologia e teoria politica
Autore: Fernando Possa
Anno: 1994
Pagine: 224

 

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!

 

L’ULTIMA RELIGIONE

Titolo completo: L’ ultima religione. Dall’eugenetica alla pandemia: l’alba di una nuova era?
Autore: Paolo Gulisano, Gianluca Marletta
Anno: 2020
Pagine: 236
IL LIBRO:
L’ultima religione è una sorta di idolatria universale: la Fratellanza globale, il Buonismo globale, la dea Salute, l’ecologismo radicale, il sogno di un mondo trans-umano e, in definitiva, anti-umano. Una religione che si impone oggi ma che viene da lontano. Un processo – iniziato molto tempo fa – che giunge a compimento anche a causa della pandemia, agli investimenti di imprenditori a livello globale, alla resa della Chiesa. Questo libro descrive in maniera chiara, approfondita e documentata la storia di questa evoluzione – da Malthus a Singer, da Casaleggio all’OMS, e illustra gli scenari della rivoluzione del 2020 che si prefigge di realizzare un distopico mondo nuovo.

 

PER ACQUISTARE IL LIBRO CLICCA QUI!