IL CAFFE’ DI AURHELIO – L’espresso della settimana – 48

279

Una tazza di caffè e una raccolta settimanale, rapida e veloce, di notizie, riflessioni, approfondimenti e video, suggerita da chi da anni porta avanti una lotta di controinformazione nel solco della Tradizione: a cura del Centro Studi Aurhelio.

PER UN NUOVO ANNO DI FUOCO! | Se hai perso la presentazione del Numero 4 di “FUOCO. Informazione che accende” puoi vederla anche in differita.
Sono intervenuti: Alessio Di Mauro, Marco Scatarzi, Cristina Di Giorgi

L’Australia ha impedito a Djokovic di partecipare agli Australian Open solamente per le sue opinioni personali sui sieri. La Cina invece ha consentito agli atleti australiani di partecipare alle olimpiadi invernali nonostante alcuni di loro fossero positivi al virus influenzale chiamato COVID. La dittatura comunista cinese ha appena trollato l’Australia che adesso ha la palma di peggiore dittatura totalitaria del pianeta. CESARE SACCHETTI

ACCUSE A PAPA BENEDETTO XVI
In una lettera di risposta, la lezione del Papa a chi si aspettava il mea culpa….

IL 10 FEBBRAIO è tutti i giorni
“Con le ossa dei cari nella scatola del tè!
Tricolori piegati da mio padre e da me!
Latte bianco sui binari per i figli di Pola!
Quei giudici pagati per non dire una parola!”
BASSA VELOCITÀ – ANTICA TRADIZIONE

A Mosca l’imbarazzante visita del ministro degli esteri inglese, Liz Truss

Buon Compleanno Editore

GESÙ TI AMA HEATHER
… e te lo ha anche fatto capire!
Comica prende in giro non vaccinati e Gesù. Crolla sul palco subito dopo.

GREEN PASS ILLIMITATO?
IL GREEN PASS VA ABOLITO, SUBITO!
I complottisti avevano torto?
Rendere il Green pass obbligatorio oltre ogni scadenza emergenziale (sulla scia del suo prolungamento indeterminato per chi ha fatto tre dosi), giustificando questa scelta con possibili e indimostrabili nuove ondate epidemiche, significa di fatto introdurre in Italia una nuova carta di identità. Per sempre. Chi ha il green pass da una parte e chi non lo ha dall’altra: i primi costretti a dimostrare ogni giorno di essere dalla parte giusta, esibendo il proprio Qr per lavorare, comprare un maglione o prendere un caffè, i secondi esclusi da luoghi di lavoro, momenti di aggregazione e finanche dai mezzi di trasporto pubblici. Di questo stiamo parlando.

ANNIVERSARIO DELLA RIVOLUZIONE
Iran, 43 anni fa la rivoluzione islamica di Khomeini

In Italia torna la “pena di morte” per malati soli e abbandonati, ora è ancora più importante che il referendum dei Radicali sull’omicidio del consenziente venga dichiarato inammissibile

Caro papa Benedetto, noi siamo con te

Territorio e Comunità in missione ad Illica – Accumoli, incontro con associazioni, imprenditori per la rinascita della comunità

SALVIAMO L’ITALIANO DAL GENDER: no asterischi, neutri e ‘schwa’! 

ITALIA E UE E SULL’USO DEI FONDI EUROPEI
Nel 2020 il saldo netto tra versamenti e accrediti è stato negativo per 6,5 miliardi, maggiore rispetto ai 5,6 del 2019. Nel settennio 2014-2020, il saldo netto cumulato è negativo per 37,92 miliardi e l’Italia ha pertanto contribuito alle finanze UE con un saldo medio annuo di 5,4 miliardi.

METAVERSO
Assisteremo inermi alla fagocitazione di migliaia di persone, nell’incubo digitale di un mondo virtuale cucito per i desideri di ognuno di noi?

COSA PENSI DEL GREEN PASS?
Fino al 6 aprile la commissione europea raccoglie opinioni sul greenpass!
MANDA LA TUA OPINIONE

TRUMP SPYGATE
Il procuratore speciale John Durham ha le prove che Rodney Joffe ha partecipato allo spionaggio illegale ai danni di Trump quando era già diventato Presidente. Joffe è un imprenditore informatico ed è uno dei personaggi reclutati da Hillary Clinton per incastrare Donald Trump attraverso la bufala del Russiagate. Durham ormai è sempre più vicino a Hillary Clinton, la mente di questo colpo di Stato architettato contro Trump. Lo Spygate sta assumendo le dimensioni del più alto tradimento mai perpetrato nella storia degli Stati Uniti contro un presidente in carica. Probabilmente solo la frode elettorale del 2020 è stata ancora più eversiva di questo scandalo. Trump aveva promesso che sarebbero arrivate grosse novità dall’inchiesta di Durham. A quanto pare, ancora una volta non ha disatteso le sue promesse.
Cesare Sacchetti