Vires VS Virus • pillole tradizionali contro il contagio della paura – 25

215
«Il coraggio non è semplicemente una delle virtù, ma la forma di ogni virtù quando giunge alla prova, vale a dire, nel punto della più alta realtà».
(Le Lettere di Berlicche, C.S. Lewis – ed. Mondadori)
Il diavolo esperto Berlicche scrive questa riflessione all’apprendista Malacoda nell’ambito di una lettera sulla viltà e sul coraggio.
Una delle virtù più importanti per un uomo è il Coraggio: la capacità di compiere fino in fondo il proprio dovere, tralasciando i pensieri calcolatori e dedicandosi all’azione. Il coraggio ha le sue radici nella parte più nobile dell’animo umano e per questo guida l’agire verso ciò che è giusto compiere.
Avere coraggio non presuppone un atteggiamento irresponsabile di colui che corre rischi inutili. L’eroe incarna l’archetipo del coraggioso eppure non rifiuta a priori le opportune analisi ma, pur avendo valutata la situazione, non si sottrae mai dal portare a compimento il proprio dovere.
Il coraggio porta in dote la consapevolezza che un’azione giusta vale anche il costo della vita. Perciò con il coraggio un uomo può sublimare le virtù che gli appartengono e affrontare con serenità ogni prova a cui è chiamato.
Avere coraggio non significa sfidare la morte ma non avere paura di essa, e di conseguenza non avere paura di nulla. Chi vive con coraggio non considera la morte come una perdita e la vita come un guadagno ma agisce per affermare il Giusto.
Solo grazie al coraggio è dunque possibile vivere con pienezza. Esso, infatti, richiede la preparazione alla morte, la certezza della sua venuta, così da saper accettarla quando dovesse arrivare o quando fosse il prezzo da pagare. Per questo il coraggio può riguardare solo l’azione pura e disinteressata.
Al contrario non sarà mai autentico coraggio quello che pone in gioco la convenienza e il calcolo. Il desiderio, così come la paura, è inconciliabile con il coraggio. 
In un mondo materialista, fondato sull’avere, in preda all’avidità, pieno di personalismi e in cui vigono solo rapporti di scambio, l’uomo che intende ritrovare l’autentico coraggio deve rifiutare i desideri di avere e sconfiggere le paure mondane. 
Solo avendo coraggio si può essere con forza e testimoniare la propria fede, senza perdere mai la determinazione alla lotta e la speranza nella vittoria. Nel lungo cammino della realizzazione spirituale chi più ha coraggio più andrà avanti.