Guerrieri d’Europa | Le aquile ferite

24
La storia del nostro Continente è costellata da innumerevoli di esempi di valore incarnati da altrettanti di eroi che si sono distinti in battaglia, indipendentemente da vittoria e sconfitta. 
Riscoprirne le gesta è un dovere e l’obiettivo di questa rubrica a cadenza mensile.

 “Der Adler” in tedesco vuol dire aquila.

Se ci si fa caso, spesso, nelle miriadi di foto che si trovano sul soldato tedesco, che prima ha conquistato l’Europa e poi ha dato tutto per difenderla, il volto ha sempre un’espressione simile a quella dell’aquila, animale regale che da sempre è simbolo di Impero e Giustizia.

E magari, proprio quel volto, visto in un documentario o su un libro, ha acceso in te, lettore, quel fuoco che stai ancora alimentando.

Con questo articolo vogliamo accendere una scintilla, che possa bruciare le anime nella riscoperta di chi eravamo e di cosa possiamo sempre tornare ad essere noi europei.

Soldato ferito appartenente alle formazioni delle Waffen SS arranca nel clamore della battaglia di Kursk, sul fronte dell’est nel 1943.

Giovane Leutnant della prima divisione delle Waffen SS “Leibstandarte Adolf Hitler” fuma una sigaretta in uno dei rari momenti di riposo.

Due soldati della 5 divisione delle SS “Wiking” con indosso le mimetiche invernali, notare lo sguardo del soldato a sinistra.

Un giovane soldato della divisione olandese delle SS “Nederland” si esercita con un Panzerfaust, fronte dell’est 1943/44

Una giovane recluta della seconda divisione delle SS olandesi “Landstorm Nederland”

Tiratore scelto appartenente alla divisione Waffen SS Totenkopf mentre fuma la sua pipa in un momento di tregua sul fronte dell’est.

Waffen SS con mimetica appostata tra i rami di un albero con il suo Mauser nella battaglia di Caen, dopo lo sbarco in Normandia in Francia nel 1944.

Soldato delle Waffen SS in posizione di tiro con un Ppsh 41 catturato al nemico sovietico.

Volontari norvegesi (si evince dallo scudo sul braccio) in un momento di riposo.

Uno sturmmann durante la campagna di Francia del 1940.