Tenere la terra, perdere la guerra. La strategia suicida dell’Ucraina

83
Nonostante l’unità di facciata, in Europa i governi si interrogano su come sfilarsi dal pantano ucraino. Anche in America escono fuori le prime analisi su come la strategia dell’esercito di Kiev li stia conducendo ad una lenta ed inesorabile sconfitta. E potrà portare ad un punto in cui neanche più agli USA converrà foraggiare militarmente Zelensky, come illustrato in questo articolo della rivista “The American Conservative” a firma Douglas MacGregor, tradotto in italiano dal sito crisiswatch.it

crisiswatch.it- In un momento in cui tutta l’Europa, nonostante una facciata di unità, si interroga sempre più come uscire dal pantano ucraino, pubblichiamo integralmente un articolo pubblicato in data 22 settembre su una delle riviste di “riferimento” dei conservatori americani, “The American Conservative”. La firma è di Douglas MacGregor, colonnello in pensione, ex consigliere del Segretario alla Difesa nell’amministrazione Trump, ed è utile a comprendere quanto anche all’interno della stessa opinione pubblica statunitense la guerra in Ucraina inizi a creare le prime crepe. Crepe in cui Trump potrebbe ben presto infilarsi per tornare alla ribalta.

Alla fine del 1942, quando la Wehrmacht non poté avanzare ulteriormente verso est, Hitler modifico la postura delle forze di terra tedesche da una strategia “orientata verso le forze nemiche” a una strategia di “mantenimento della posizione”. Hitler chiese così ai suoi eserciti di difendere vasti tratti di territorio sovietico, in gran parte vuoti e irrilevanti.

La postura difensiva non solo derubò l’esercito tedesco della sua capacità di superare in astuzia il lento e metodico avversario sovietico; la difesa di ampi territori spinse anche la logistica tedesca al punto di rottura. Quando il mantenimento della posizione necessitò così di infiniti contrattacchi per riconquistare territori inutili, la Wehrmacht si ritrovò condannata a una lenta distruzione.

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky (presumibilmente su consiglio dei suoi consiglieri militari statunitensi e britannici) ha adottato una strategia simile per difendere il territorio nell’Ucraina orientale. Le forze ucraine si sono immobilizzate all’interno delle aree urbane e hanno preparato le difese. Di conseguenza, hanno trasformato i centri urbani in fortificazioni per quelle che sono diventate resistenze disperate. Sono stati vietati ritiri sensati da città come Mariupol che avrebbero potuto salvare la maggior parte delle migliori truppe ucraine. Le forze russe hanno risposto isolando metodicamente e schiacciando i difensori rimasti senza possibilità di fuga o soccorso da parte di altre forze ucraine.

La determinazione di Mosca a distruggere le forze ucraine al minor costo per le vite russe ha prevalso. Le vittime ucraine sono sempre state più pesanti di quanto riportato dal momento in cui le truppe russe hanno attraversato il confine dell’Ucraina orientale, ma ora, grazie al recente fallimento dei contrattacchi ucraini nella regione di Kherson, hanno raggiunto livelli orribili che è impossibile nascondere. Il tasso di vittime ha raggiunto 20.000 morti o feriti al mese.

Nonostante l’invio di 126 obici, 800.000 colpi di artiglieria e HIMARS (artiglieria missilistica statunitense), mesi di duri combattimenti stanno erodendo le fondamenta delle forze di terra ucraine. Di fronte a questo disastro, Zelensky continua a ordinare contrattacchi per riconquistare il territorio come mezzo per dimostrare che la posizione strategica dell’Ucraina nei confronti della Russia non è così disperata come sembra.

La recente avanzata ucraina verso la città di Izium, il collegamento tra Donbas e Kharkiv, è sembrata un regalo a Kiev. I satelliti statunitensi hanno indubbiamente fornito agli ucraini un’immagine in tempo reale dell’area, mostrando che le forze russe a ovest di Izium contavano meno di 2.000 unità leggere (l’equivalente della polizia paramilitare, o ad esempio SWAT, o fanteria aviotrasportata).

Il comando russo ha così deciso di ritirare la sua piccola forza dall’area che era circa l’1% del territorio ex ucraino attualmente sotto il controllo russo. Tuttavia, il risultato della vittoria per la propaganda di Kiev è stato alto: a seconda delle fonti, si stima che tra i 5.000 e i 10.000 soldati ucraini sono stati uccisi o feriti in un’area piatta e aperta che l’artiglieria, i razzi e gli attacchi aerei russi hanno trasformato in un campo di sterminio.

Data l’incapacità di Washington di porre fine alla guerra in Ucraina con la sconfitta dell’esercito russo, sembra certo che la Beltway cercherà invece di trasformare le rovine dello stato ucraino in una ferita aperta al fianco della Russia che non si rimarginerà mai più. Fin dall’inizio, il problema con questo approccio è stato che la Russia ha sempre avuto le risorse per intensificare drammaticamente le operazioni e mettere la parola fine sui combattimenti in Ucraina con esiti molto duri.

In una dichiarazione pubblica che non dovrebbe sorprendere nessuno, il presidente Putin ha annunciato la mobilitazione parziale di 300mila riservisti. Molti di questi uomini sostituiranno le forze regolari dell’esercito russo in altre parti della Russia e le libereranno per le operazioni in Ucraina. Altri riservisti aumenteranno le unità russe già impegnate nell’Ucraina orientale.

Washington ha sempre scambiato la disponibilità di Putin a negoziare e limitare la portata e la distruttività della campagna in Ucraina come una prova di debolezza, quando era chiaro che gli obiettivi di Putin erano sempre stati limitati all’eliminazione della minaccia NATO alla Russia nell’Ucraina orientale. La strategia di Washington di sfruttare il conflitto per vendere caccia F-35 alla Germania, insieme a un gran numero di missili, razzi e radar ai governi alleati dell’Europa centrale e orientale, si sta ritorcendo contro.

L’establishment della difesa ha una lunga storia di successi nel tranquillizzare gli elettori americani con cliché insignificanti. Mentre le condizioni favorevoli a Mosca si sviluppano nell’Ucraina orientale e la posizione della Russia nel mondo si rafforza, Washington si trova di fronte a una scelta difficile: spiegare di aver “ridotto il potere russo” con successo in Ucraina e ridimensionare le proprie azioni. O rischiare una guerra regionale con la Russia che inghiottirà l’Europa.

In Europa, tuttavia, la guerra di Washington con Mosca è più di un semplice argomento spiacevole di cui conversare. L’economia tedesca è sull’orlo del collasso. Le industrie e le famiglie tedesche sono affamate di energia che diventa sempre più costosa ogni settimana che passa.  Gli investitori americani sono preoccupati perché la storia insegna che la performance economica della Germania è spesso foriera di tempi economici difficili negli Stati Uniti.

Ancora più importante, la coesione sociale negli Stati europei, soprattutto in Francia e Germania, è fragile. Secondo quanto riferito, le forze di polizia di Berlino stanno elaborando piani di emergenza per far fronte a rivolte e saccheggi durante i mesi invernali se la rete energetica della città “multiculturale” crollasse. Il malcontento sta crescendo, rendendo abbastanza plausibile che i governi in Germania, Francia e Gran Bretagna seguiranno probabilmente il percorso dei loro colleghi di Stoccolma e Roma, che hanno perso o perderanno il potere a causa delle coalizioni di centro destra.

A partire da questa data, Kiev continua a incalzare Mosca sacrificando le sue ultime riserve di uomini all’esercito russo. Washington, insiste il presidente Biden, sosterrà l’Ucraina “per tutto il tempo necessario”. Ma se Washington continua a prosciugare le riserve petrolifere strategiche americane e a spedire scorte di guerra americane in Ucraina, la capacità di proteggere e rifornire gli Stati Uniti sarà in competizione con il sostegno dell’Ucraina.

La Russia controlla già il territorio che produce il 95% del PIL ucraino.  Non ha bisogno di premere più a ovest. In questo momento, sembra certo che Mosca finirà i suoi lavori nel Donbas, quindi rivolgerà la sua attenzione alla cattura di Odessa, una città russa che ha visto terribili atrocità commesse dalle forze ucraine contro cittadini russi nel 2014.

Mosca non ha fretta. I russi non sono altro che metodici e determinati. Le forze ucraine stanno morendo dissanguate in un contrattacco dopo l’altro. Perché correre? Mosca può essere paziente. Cina, Arabia Saudita e India stanno acquistando petrolio russo in rubli. Le sanzioni stanno danneggiando gli alleati europei dell’America, non la Russia. Il prossimo inverno probabilmente farà di più per alterare il panorama politico europeo di qualsiasi azione che Mosca potrebbe intraprendere. A Zakopane, una cittadina di 27.000 anime nell’estremo sud della Polonia, sta già cadendo la neve.