Le ultime lettere a casa – 5

50
(Tratto da frontedolomitico.it – “Le ultime lettere a casa”)

 

Tamanti Giovanni (Sottotenente, Genio)

† 13 febbraio 1916, Col di Lana, MAVM

Morire per me sarebbe niente; sento di non aver affatto paura della morte; ma come lascerei i miei cari? Francesca, Mamma, i ragazzi, la mia Giulianetta? Come crescerebbero? Certo, sento che Francesca avrebbe animo forte e saprebbe, dopo i primi momenti, far fronte alla sventura, ma l’aiuto d’un uomo le mancherebbe. Leonardo, Renato e Giuliana come passerebbero la loro adolescenza? Questo pensiero è tremendo ma la Patria sopra tutto. Sento che accetterei con gioia il pericolo, la morte. Oggi o si fa davvero la Grande Italia o l’Italia sparisce. Giocherò la mia vita se occorre … Il mio sangue possa essere la goccia che faccia spostare la bilancia per noi e la misericordia divina provvederà a’ miei figli!
                                                                                                                 7 luglio 1915

 

“Testamenti della Grande Guerra” a cura di Eno Mecheri, Casa Editrice Carnaro – Milano 1936