Arriva il primo personaggio Disney gay

29
Questo Natale non portate i vostri figli a vedere l’ultimo cartone firmato Disney, Strange World. Se poi fra le dichiarazioni per pubblicizzare il film sono state dette cose come questa: “Ethan, il personaggio gay del film, è un ragazzo pienamente formato e noi siamo orgogliosi che ci sia. La Disney ha sempre fatto film per tutti e nei quali in tutto il mondo ci si possa rivedere”; la voglia passa del tutto.
Da lungo tempo ormai la Disney ha venduto anima e corpo per la causa LGBTQ+, una causa che sta sostenendo con tutte le sue forze, nel tentativo di propagandare l’ideologia gender ai più piccoli.
Una scelta che, se dai sostenitori delle teorie gender è stata accolta con favore, è stata criticata da tanti fan storici della Disney, che vedono in tutto questo non solo una forzatura non necessaria, una scelta antieconomica (visti i flop di prodotti come Star Wars), e soprattutto una presa di posizione intollerabile. Intollerabile e insopportabile, perché è rivolta ai più piccoli, che vengono negativamente influenzati e plagiati da questo tipo di contenuti sovversivi.
Quest’ultimo film avrà il primo personaggio dichiaratamente gay, mentre tutto il film sarà incentrato sui temi dell’ecologismo ambientalista (altro cavallo di battaglia in stile Greta Thumberg). Purtroppo per la Disney, insomma, noi preferiamo ancora guardare i classici. 

(tratto da ansa.it)

Strange World, ecologia, avventura e famiglie arcobaleno

Nel film Disney di Natale di Don Hall anche una storia gay

L’avventura, lo scorrere delle generazioni, l’ecologia, un nuovo mondo e anche il primo personaggio dichiaratamente gay di un classico animato Disney.

È quello che si annuncia con STRANGE WORLD – UN MONDO MISTERIOSO di Don Hall, in sala dal 23 novembre con The Walt Disney Company Italia.

Come dice oggi a Roma il premiato regista di OCEANIA e premio Oscar per BIG HERO 6: “Ethan, il personaggio gay del film, è un ragazzo pienamente formato e noi siamo orgogliosi che ci sia. La Disney ha sempre fatto film per tutti e nei quali in tutto il mondo ci si possa rivedere”.

Dice invece il cantante Michele Bravi che insieme a Federica Abbate interpreta il brano originale ANTIFRAGILI dei titoli di coda: “Se da bambino avessi visto un film del genere mi sarei sentito meno solo”. Co-diretto e scritto da Qui Nguyen e prodotto da Roy Conli, il film racconta la storia della famiglia Clade dove Searcher (la voce è di Marco Bocci), il capofamiglia, ha scoperto una fonte di energia a base vegetale che ha cambiato il mondo tanto da mettere su un’impresa che porta avanti con moglie e figlio. Jager (Francesco Pannofino), padre di Searcher, è invece un esploratore leggendario di cui si sono perse da anni le tracce, mentre Ethan (Lorenzo Crisci), infine, figlio di Searcher, è un sedicenne con gran senso dell’umorismo innamorato di un suo coetaneo. Un giorno bussa alla porta dei Clade la presidentessa di Avalonia, Callisto Mal (Valentina Stredini), giunta da loro per chiedere aiuto. Il fatto è che il pando, pianta scoperta da Searcher Clade, è in pericolo e per gli abitanti di Avalonia questa cosa è un vero disastro. Così la famiglia Clade si mette in viaggio per salvare questo paese, ma durante questa impresa faranno una scoperta sensazionale: una terra misteriosa popolata da creature fantastiche.

“Ispirato alle classiche storie d’avventura – ha affermato il regista Don Hall – questo film è un’originale comedy d’animazione su tre generazioni della famiglia Clade. Sono partito da un’idea molto semplice: il mondo che erediteranno i nostri figli sarà diverso da quello che noi abbiamo ereditato. Padri e figli tendono a vedere tutto in maniera diversa. Io e mio padre, ad esempio, abbiamo un buon rapporto ma, mentre lui è un contadino, io già a quattordici anni ho cominciato a fare altro. Pensando a ciò, ho trovato interessante indagare su quanto contino le aspettative che i genitori ripongono sui figli, intenzionalmente o meno”.

Aggiunge Qui Nguyen: “È il racconto di diverse generazioni. Io e Dan abbiamo la stessa età, abbiamo entrambi figli e padre e STRANGE WORLD non è altro che una lettera d’amore per loro. Volevamo che il film riflettesse il mondo di oggi e che tutti si potessero rivedere sullo schermo, realizzare un film d’avventura, un classico come PINOCCHIO, FROZEN e DUMBO che rimanesse nel tempo”. Dice Francesco Pannofino, voce di Jaeger Clade: “Quando ho visto il film nella sua interezza mi ha piacevolmente colpito. I rapporti tra nonno, figlio e nipote poi, confesso, mi hanno fatto scappare una lacrimuccia”. Marco Bocci, alla sua prima esperienza da doppiatore, sottolinea: “Mi sono divertito tanto, ho due bambini piccoli e quindi ho apprezzato molto il fatto di mettere in stretta relazione le diverse generazioni, una cosa molto complicata”. Infine, a quali film è ispirato STRANGE WORLD? “Sono tanti – dice Don Hall -: “Da King Kong a Jurassick Park, da Indiana Jones fino a Quel treno per Yuma”.