Pozzallo: dove le follie antifà sono più forti del Natale

84
Abbiamo sempre predetto che sarebbero morti pazzi, vittime delle loro stesse follie e dei loro cortocircuiti ideologici, per questo spesso non ci stupiamo, ma quasi sempre ci viene da ridere.
È sicuramente uno di questi casi quello di Pozzallo, dove un’associazione antifascista ha chiesto di rimuovere la X dalla scritta luminaria XMAS (che in qualche modo dovrebbe significare Christmas, cioè Natale) posizionata dal comune in piazza per i festeggiamenti natalizi.
Il motivo, lo avrete già capito, è l’assonanza con la Xª Flottiglia MAS, e quindi secondo loro un possibile richiamo al fascismo…
Tralasciando il fatto che un comune italiano scelga di usare abbreviazioni insensate e importate dalla lingua inglese per scrivere “buon Natale” (del resto essere una colonia culturale degli USA passa anche da queste cose), il fatto divertente è che il sindaco ha acconsentito alla rimozione, lasciando in piazza soltanto la scritta MAS, preceduta da uno strano segno che a qualcuno potrebbe sembrare anche un fascio littorio stilizzato.
Insomma, passando da Pozzallo potremo goderci un bell’acronimo del motto D’Annunziano “Memento Audere Semper” a caratteri cubitali e illuminato di tutto punto.
Si potrebbe ironizzare ricordando il soprannome dei “Siluri a Lenta Corsa” con cui i combattenti della Decima hanno compiuto numerose gesta eroiche, in questo caso però lo stesso epiteto possiamo riferirlo a chi ha voluto speculare sul Natale e anche a chi ha ceduto all’ennesima isteria antifà.

(tratto da ilfattoquotidiano.it)

Pozzallo, sindaco rimuove la “X” da “XMAS” per evitare richiami al fascismo. “Qualcuno ha voluto travisare la scritta”

Pozzallo, sindaco rimuove la “X” da “XMAS” per evitare richiami al fascismo. “Qualcuno ha voluto travisare la scritta”

Pozzallo, sindaco rimuove la “X” da “XMAS” per evitare richiami al fascismo. “Qualcuno ha voluto travisare la scritta”

Il sindaco Roberto Ammatuna ha preferito togliere la lettera dopo alcune segnalazioni che la ritenevano un riferimento alla Decima Mas. Per il circolo locale dell’Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti la scritta richiamava “la truculenta e criminale storia della colonna infame fascista”

Una luminaria natalizia dalla quale è stata tolta la “X”, per evitare richiami al fascismo. Succede a Pozzallo, comune in provincia di Ragusa, dove il sindaco Roberto Ammatuna ha deciso di eliminare la lettera nella scritta XMAS, che in tutto il mondo viene utilizzata come abbreviazione di Christmas, a seguito di alcune segnalazioni di protesta dei cittadini, convinti potesse essere un riferimento fascista alla Decima Mas. “In occasione delle feste di Natale nella piazza principale di Pozzallo è stata installata, così come avviene in tutta Italia, una scritta. Invece di scrivere Christmas abbiamo scritto Xmas, così come accade in tutto il mondo, che significa Buon Natale. Qualcuno ha voluto strumentalizzare questa scritte travisandola volutamente per ‘decima mas’ che è tutt’altra cosa”, ha spiegato Ammatuna. “Pozzallo democratica ed antifascista – aggiunge – non poteva subire la benché minima possibilità di essere associata al fascismo o di avere una scritta fascista. Ecco perché – conclude Ammatuna-la x è stata rimossa per garantire alla città di vivere un Natale più sereno”.

A chiedere ufficialmente la rimozione della “X” alle “autorità competenti” è stato il circolo Vanni Rosa di Pozzallo dell’Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti perché, ha scritto Nicola Colombo, già dirigente della Cgil, la scritta “richiama più che il Natale da festeggiare, la truculenta e criminale storia della colonna infame fascista che si è macchiata di delitti e uccisioni di partigiani, democratici, antifascisti che lottavano per dare pace e libertà, democrazia e dignità all’Italia soffocata dal ventennio fascista”. E così, rimossa la X, ora è rimasta soltanto la scritta MAS. E nessun riferimento al Natale.