L’anima del mondo

185
 
L’anima del mondo
 
Tratto dal sito di Heliodromos
Non va mai dimenticato, almeno da parte di coloro che considerano il mondo un mistero che trascende ogni banale esteriorità e tutte le fallaci apparenze, che nulla potrebbe esistere manifestarsi e svolgere la propria funzione senza il “soffio” dello Spirito («l’espirazione di Dio»), per cui l’essenza stessa di tutto ciò che i nostri sensi percepiscono consiste in quella che si è definita Anima del mondo; dove per mondo non si intende solo la Terra ma anche — e soprattutto — il Cielo con le varie divinità che vi risiedono, i cui singoli nomi non rappresentano altro che le diverse qualità e virtù del Principio; così come i corpi celesti, nella loro percezione sottile e simbolica, non nella mortifera e letale catalogazione astrofisica della scienza moderna. E il fatto stesso che l’uomo sia dotato della capacità di comprendere ed entrare in relazione attivamente con un simile MISTERO è già sufficiente a dimostrare la presenza in lui di una porzione di quel divino soffio. Il mondo, al pari dell’uomo, ha uno spirito e un’anima che ne rendono vivo anche il corpo, facendolo partecipe, in ogni suo frammento e porzione, della mente divina; come sapientemente ci indica Virgilio quando mette in bocca ad Anchise — ombra nei Campi Elisi — le parole rivolte al figlio Enea, nel suo viaggio nel regno dei morti,  presentandoci l’insegnamento tradizionale «sul tappeto magnifico dei versi» (Esenin ci perdonerà il furto!), a partire dall’esametro: Principio caelum ac terras camposque liquentis.
 
Un intimo spirito avviva il cielo e la terra e le acque
e il sole e la luna splendente, una mente
infusa per gli arti tutto agita il mondo
e al grande corpo s’unisce. Da questo miscuglio
proviene degli uomini il nascere e l’essere
e così delle bestie, così degli uccelli e dei mostri
che sotto le lucide acque il mare produce.
In quei semi è un igneo vapore, una celeste
origine che in loro sussiste finché corpi nocivi,
arti terreni e membra mortali non li impediscono.
Virgilio, Eneide (VI, 724-734)