Uranio impoverito contro i soldati russi

272
Iran e Cina, hanno ormai dichiarato apertamente quello che ogni persona onesta e ben informata già sa: il conflitto in Ucraina è stato voluto e provocato dagli USA e dalla NATO.
Ecco un estratto del discorso di pochi giorni fa dell’Ayatollah Khamenei:
La guerra in Ucraina, in realtà, l’hanno creata gli Usa per allargare la Nato. Ed ora è l’America a ricavare i maggiori interessi da questa guerra. Il popolo ucraino è afflitto perché le fabbriche di armi Usa devono guadagnare. Per questo l’America ostacola la fine di questa guerra.
E’ per questo che i due paesi stanno sostenendo iniziative volte ad una soluzione diplomatica del conflitto, mentre dall’altra parte si continua a inviare armi, adesso addirittura quelle contenenti uranio impoverito, già tristemente note.
Tutti ricordiamo quanto l’utilizzo di questo tipo di munizioni è stato più volte condannato dall’opinione pubblica e dalla comunità internazionale, stranamente questo non è più un problema per nessuno se vengono fornite e usate dai “buoni”…

(tratto da ansa.it)

Ucraina, Londra rivela: ‘Forniremo a Kiev proiettili con uranio impoverito’

Ira di Mosca: ‘Reagiremo, scontro nucleare a un passo’. Droni ucraini in Crimea

Londra fornirà a Kiev munizioni anticarro perforanti all’uranio impoverito, una rivelazione che ha scatenato l’ira di Mosca e infiammato le tensioni internazionali.

La decisione del governo britannico è stata annunciata lunedì dalla viceministra della Difesa britannica Annabel Goldie durante un’audizione di secondaria importanza alla Camera dei Lord ed è passata del tutto sotto silenzio finché non è rimbalzata sui media ucraini.

Non è però sfuggita a Vladimir Putin, che parlando accanto al leader cinese Xi Jinping a Mosca, ha promesso che la Russia “reagirà” se Londra dovesse davvero inviare questo tipo di forniture. Mentre secondo il ministro della Difesa Sergei Shoigu, con le dichiarazioni del Regno Unito lo scontro nucleare è ormai “a un passo”.

Oggetto delle tensioni sono i proiettili Charm 1 e Charm 3, usati come munizioni per i cannoni da 120 millimetri montati su alcuni tank dell’esercito inglese, promessi a Kiev dal governo di Rishi Sunak. Replicando ad un’interrogazione presentata dall’ultranovantenne lord Hylton, la baronessa Goldie ha rivendicato seccamente che “assieme a uno squadrone di carri armati pesanti da combattimento Challenger 2, manderemo anche le relative munizioni: inclusi proiettili perforanti che contengono uranio impoverito”, da tempo al centro delle polemiche sulla legalità del loro utilizzo in scenari di guerra passati, dall’ex Jugoslavia all’Iraq. Interpellato sulla faccenda, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha minacciato che se la Gran Bretagna fornirà tali munizioni, “non c’è dubbio che finirà male” per Londra.

In ogni caso “non sarei sorpreso da nulla, perché hanno completamente perso il senso dell’orientamento riguardo alle loro azioni e al modo in cui minano la stabilità strategica in tutto il mondo”. “Stanno cercando di combattere questo conflitto non solo in teoria fino all’ultimo ucraino, ma anche in pratica: l’Occidente sta cominciando a usare armi con elementi nucleari”, è stato invece il commento di Putin, che ha messo in chiaro che Mosca non resterà a guardare. 

Le armi all’uranio impoverito sono solo l’ultimo capitolo di una tensione senza fine tra il Cremlino e l’Occidente, mentre in Ucraina la guerra non vede tregua. Il presidente Volodymyr Zelensky ha ribadito di essere pronto a riprendersi “fino all’ultimo metro” del suo Paese, e lo ha dimostrato passando ancora una volta all’attacco contro obiettivi militari dei russi in Crimea: nella serata di lunedì, un’esplosione nella città di Dzhankoi, nella penisola ucraina occupata, ha distrutto missili da crociera russi destinati alla flotta del Mar Nero, secondo Kiev che però non ha rivendicato alcuna operazione. Ma per i media di Mosca, sono stati ovviamente droni ucraini a colpire la città, che rappresenta lo snodo ferroviario più importante per i rifornimenti russi alla Crimea. Uno dei velivoli è stato abbattuto e un civile è rimasto ferito dai detriti, ha riferito il governatore filorusso della penisola.

Il conflitto poi è tornato a sconfinare in Russia, dove le forze ucraine hanno attaccato con droni una stazione di pompaggio del petrolio nella regione di Bryansk, senza causare vittime, secondo il governatore Alexander Bogomaz. E dopo l’incidente tra il drone americano e i caccia russi sul Mar Nero, è tornata la tensione anche nei cieli del Baltico, dove un jet Sukhoi è stato fatto alzare in volo per identificare e intercettare due bombardieri Usa B-52H “diretti verso il confine russo”, a detta dei militari di Mosca. Alla vigilia di quella che potrebbe essere la controffensiva di primavera inoltre, gli Stati Uniti stanno accelerando sulle consegne a Kiev dei tank Abrams e dei sistemi di difesa aerea. A confermarlo è stato il Pentagono dopo indiscrezioni dei media, secondo cui Washington opterà per l’invio di un modello vecchio ricondizionato di carri armati che potrà arrivare in otto-dieci mesi, mentre due Patriot saranno dispiegati in Ucraina nelle prossime settimane.

Ucraina, accordo con Fmi su piano aiuti da 15,6 miliardi
Lo staff del Fondo Monetario Internazionale ha raggiunto un accordo con l’Ucraina per un piano di aiuti da 15,6 miliardi di dollari. L’intesa deve essere ora approvata dal board del Fmi che dovrebbe esaminarla nelle prossime settimane. E’ la prima volta che il Fmi concede un finanziamento a un paese in guerra nei suoi 77 anni di vita. L’intesa prevede che Kiev si impegni a prendere misure per rafforzare la stabilità di bilancio, dei prezzi e finanziaria. L’economia ucraina è crollata del 30% lo scorso anno, costringendo Kiev a dipendere dagli aiuti internazionali. Il piano dovrebbe “sostenere una ripresa economica graduale creando – afferma il Fondo – le condizioni per una crescita di lungo termine in un contesto di ricostruzione del paese dopo il conflitto” e mentre Kiev è sulla “strada per l’adesione all’Unione Europea”.