[TERZO QUADERNO DI RAIDO] La Verità è Universale e Trascendente

677

Aquila

Per l’uomo che segue il percorso di vita tradizionale, la Verità – “ciò che è” – è data come qualcosa di certo ed assoluto ed il suo compito è conoscerla adeguando ad essa la propria vita, fermo restando che, al di fuori di tale Conoscenza, è l’errore. Infatti, la Verità non può essere sostituita e confusa con un pensiero, un’opinione, un’ideologia o con un sistema filosofico, non è un’interpretazione soggettiva o un’invenzione umana, poiché la sua realtà e valore, la sua essenza e sostanza, è infallibile, ovvero di ordine Universale e Trascendente, non umano o individuale

(tratto da La Formazione del militante della Tradizione. 3. L’Uomo della Tradizione: Stile e Ascesi)