Trilussa… satira e qualche verità

513

La libbertà de pensiero

Un gatto bianco, ch’era presidente

der circolo der Libbero Pensiero

sentì che un gatto nero,

libero pensatore come lui,

je faceva la critica

riguardo a la politica

ch’era contraria a li pensieri sui.

“Giacche nun badi alli fattacci tui,

-Je disse er gatto bianco inviperito-,

rassegnerai le proprie dimissione

e uscirai da le file der partito:

che qui la poi pensà liberamente

come te pare a te, ma a condizione

che t’associ a l’idee der presidente

e a le proposte de la commissione!”

“E’ vero, ho torto, ho aggito malamente…”

Rispose er gatto nero.

E pe restà ner Libero Pensiero

Da quela vorta nun pensò più gnente.