La lotta per il Bene richiede Sacrificio

646

In un tempo in cui la distinzione tra bene e male non è più chiara, dove la linea di confine tra le due parti viene arbitrariamente spostata a piacimento, è ancor più necessario che ci siano uomini saldi in se stessi che affermino la Verità con le parole e con la propria azione.
Ma se a parole è semplice, sicuramente meno lo è nel concreto. Infatti, ognuno di noi in alcuni momenti è portato a giudicare le azioni dell’altro, spesso non senza uno spudorato orgoglio di chi si crede migliore, alimentando così maggiormente il proprio ego. 
Puntare all’umiltà è quindi già un buon passo, per poi arrivare a riconoscere, nelle varie situazioni della nostra vita, i momenti in cui il nostro ego scalcia con più forza. Questa guardia, da tenere sempre alta, spesso viene sfondata, soprattutto nei momenti in cui non crediamo minimamente di agire per noi stessi. 
La maliziosità dell’ego è infatti talmente affermata che essa si manifesta anche in situazioni all’apparenza positive, conducendoci in un circolo vizioso dove crediamo erroneamente di agire nel bene e per il bene. Ciò si può evitare solamente con una quotidiana disciplina, e soprattutto con l’aiuto della Comunità che può e deve metterci in discussione ogni qualvolta il nostro io vuole prendere spazio.
Detto così qualcuno potrebbe pure affermare che allora non valga neanche la pena di tentare di far del bene, poiché difficilmente si ha la sensibilità di riconoscere il vero motivo che ci spinge ad agire in tal modo. In realtà, ogni volta che ci rendiamo conto che un’azione positiva ci reca disturbo, proprio in quel momento dobbiamo andare avanti e portarla a termine, poiché il nostro ego ci sta smuovendo per tentare di avere il controllo.
Disciplina, preghiera, meditazione, silenzio, sacrificio, vita comunitaria, questi sono solo degli esempi che permettono di indebolire giorno dopo giorno quella grande parte di noi che vorrebbe una vita borghese, permettendoci di agire sempre più con impersonalità.
Non è quindi possibile farsi strumento di Verità senza passare per una strenua lotta contro noi stessi; come disse Padre Luigi Tezza, “Il bene, secondo Iddio, è sempre inseparabile dalla lotta e dal sacrificio”. Lotta perenne, fino all’ultimo nostro respiro su questa terra, ma che se combattuta con i denti stretti, ci lascerà un dolce sorriso sul nostro viso, consci di aver fatto ciò che dovevamo fare, che sia anche solo aver condotto una piccola fiamma che poi diventerà incendio.
Come disse Samvise Gamgee a Frodo, “alla fine è solo una cosa passeggera, quest’ombra. Anche l’oscurità deve passare. Arriverà un nuovo giorno. E quando il sole splenderà, sarà ancora più luminoso”. Viviamo con gioia allora, tutti i momenti, poiché il fuoco non è spento.