Vires VS Virus • pillole tradizionali contro il contagio della paura (87) – Lo Spirito come l’Ascensione in Montagna

641
«Lo spirito dell’uomo è simile all’ascensione in montagna. Vedi la cima, ti sembra di raggiungerla e scopri altre sommità, altri burroni e altre pendenze». 
(Cittadella, Antoine de Saint-Exupéry – AGA Editrice)
L’autore usa un’efficace similitudine per esprimere la natura inesauribile della ricerca spirituale, paragonandola all’ascensione in montagna dove ad ogni cima ne sussegue un’altra. 
Infatti, il processo di crescita spirituale è un’esplorazione continua in cui ogni volta che un punto di comprensione sembra raggiunto si scorgono nuove dimensioni ancora da conoscere.
Per questo non ci si può mai considerare arrivati ma sempre in viaggio verso la conoscenza dello spirito, un’esplorazione che dischiude sempre nuovi orizzonti e grandi bellezze e in cui, come in montagna, più in alto si sale, più lontano si vede.
L’ascesa alla vetta simboleggia la ricerca di un livello superiore di comprensione e una maggiore approssimazione all’Assoluto. I burroni e le pendenze che man mano emergono rappresentano le sfide e le difficoltà che bisogna affrontare lungo il percorso verso la realizzazione. Ogni passo è un’opportunità per superare le limitazioni dell’ego e per aprirsi alla grandezza del mistero dell’esistenza.
La ricerca spirituale è un’incessante conoscenza di sé, come l’ascesa di una montagna a cui ne segue sempre un’altra. A chi ha il coraggio e l’umiltà di mettersi in cammino si svelano nuovi orizzonti e si aprono nuovi misteri.