Antiche Mura | Gerarchia e Ordini

196
Antiche Mura • Custodire la verità per opporsi al declino
«Chi vuole salire in una gerarchia e sentirsi più ricco interiormente, chiede anzitutto che gli diano degli ordini» (Cittadella, Antoine de Saint-Exupéry – AGA Editrice)
L’autore affronta la connessione tra l’aspirazione a salire in una gerarchia e la ricerca di una guida. Tema legato alla dicotomia tra ordine e libertà, che pone lo sguardo sull’umano desiderio di richiedere ordini come riflesso di una ricchezza interiore che doni significato e coerenza alla propria esistenza.
La richiesta di ordini è un mezzo attraverso il quale soddisfare la necessità di disciplina, per mettersi alla prova e per canalizzare gli sforzi verso la ricerca spirituale. Quando gli ordini terreni si armonizzano con quelli divini si aprono le possibilità per un’elevazione autentica; essi non rappresentano una gabbia ma piuttosto si configurano come un faro che illumina il cammino per salire di gerarchia.
Un ordine a cui attenersi aiuta a mantenere il controllo di sé e a rafforzare la consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti. Non è una semplice direttiva ma uno strumento per conoscere se stessi, per elevarsi e qualificarsi attraverso sfide intraprese con determinazione. Al di là del mero successo esteriore, il rispetto di un’indicazione rappresenta la capacità di sapersi dare una disciplina interiore e di mettersi in connessione con una dimensione superiore.