In memoriam | Ugo Gigli

91

A cura di Comunità Militante Coscienza e Dovere

Ci è appena giunta la notizia della dipartita del combattente abruzzese Ugo Gigli.
Arruolatosi nella guerra d’Africa, Ugo si contraddistinse in combattimento difendendo dagli attacchi inglesi il forte al quale era destinato dove, volontario, strisciò nel deserto per recuperare una mitragliatrice caduta nell’assalto che servirà alla seconda difesa dell’avamposto italiano. Catturato dopo la caduta del forte, diventerà un P. O. W. destinato a viaggiare per ben 3 campi di prigionia inglesi, vivendo molti anni dentro il campo di Zonderwater e soffrendone le rigidità.
Conoscemmo Ugo grazie a suo figlio Danilo, un nostro camerata con il quale da 5 anni condividiamo varie attività come il restauro della fontana di Pescina, le escursioni nella Marsica e gli studi sulla guerra d’Africa, e avemmo quindi l’occasione e l’onore di intervistarlo per AzioneTradizionale pochi anni fa, quando già aveva superato la soglia dei 100 anni.
Intervista che qui riproponiamo sperando che possa destare l’esempio, così come Ugo e tutta la sua famiglia seppero fare con noi giovanissimi entrati in contatto con un mondo che non potevamo che aver letto solo sui libri.